11-01-2006

pleurite cronica o eteroplasia?

Al paziente, dopo una TAC senza contrasto, è stata diagnosticata una pleurite (circa 5 cm di spessore).
Il medico, per scrupolo, vuole accertarsi, previo ricovero, se è una pleurite cronica o una eteroplasia pleurica.
Che differenza c'è tra le due diagnosi. E quali le rispettive possibili cure ?
Grazie.
Risposta a cura di:
Prof. Mario Angelico

Specialista in Gastroenterologia
Caro signore, la differenza tra le due diagnosi è sostanziale in quanto la pleurite cronica è malattia benigna mentre l'altra è normalmente maligna. Se l'ispessimento è stato valutato mediante una radiografia del torace ed è dovuto solo alla pleura si tratterà verosimilmente di una pleurite cronica in quanto le eteroplasie pleuriche (mesoteliomi per lo più) sono caratterizzati dalla presenza di abbondante versamento pleurico di tipo ematico o siero-ematico. La cura della pleurite cronica si basa sull'uso di antidolorifici e/o antinfiammatori associati a cicli di ginnastica respiratoria. Nei casi più severi si giunge all'intervento chirurgico. La patologia neoplastica non si avvantaggia concretamente di alcuna terapia al momento. Valgono come aiuti generici la toracentesi e, laddove possibile, la terapia cosiddetta endocavitaria (ossia all'interno del cavo pleurico stesso) con farmaci o sostanze atte a congiungere le pleure e ridurre al minimo la produzione di essudato.
Se hai trovato interessante questo articolo condividilo su
0 0
Non hai trovato quello che cercavi? Vuoi proporre una nuova domanda?
Clicca qui