Acne giovanile: rimedi e consigli per godersi il sole

acne giovanile rimedi e consigli per godersi il sole
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere

Con l’arrivo dell’estate, ormai alle porte, cresce l’esigenza di sdraiarsi al sole, magari in spiaggia, così da godere degli effetti benefici, estetici e rilassanti dei raggi solari. Bisogna, però, stare attenti a non abusare dell’esposizione al sole, altrimenti si può incorrere in rischi dannosi per la salute, soprattutto con ripercussioni (anche gravi) sulla pelle.

Il sole contrasta l'Acne?

In relazione a ciò, c’è un mito da sfatare: il collegamento positivo tra raggi (e lampade) solari e riduzione dell’acne. L'Acne, infatti, è una malattia cutanea che colpisce in particolar modo gli adolescenti, caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea annessa, che va a formare una papula infetta, chiamata comunemente brufolo o foruncolo. Se da un lato, infatti, il sole tende ad attenuare le lesioni della pelle; dall’altro questa diminuzione è passeggera ed è spesso seguita (paradossalmente) da una forte attacco di acne, dal momento che la pelle aumenta di spessore. Questo accade perché i raggi solari accentuano il processo infiammatorio alla base dell’acne, provocando - come scritto - un ispessimento dello strato più superficiale della pelle (lo strato corneo) che causa la formazione dei punti neri (i comedoni).

Leggi anche:
Acqua tiepida, maschera all'argilla, trucchi oil free: i rimedi contro la pelle grassa e gli accorgimenti per renderla meno lucida.

Il miglioramento apparente, inoltre, è frutto anche dell’abbronzatura che tende a nascondere le imperfezioni della cute, nonché dell’azione disinfettante e antinfiammatoria dei raggi ultravioletti sulla pelle. Morale della favola: l’esposizione al sole deve essere moderata perché, nella maggior parte dei casi, al rientro dalle vacanze, o generalmente verso la metà di settembre, si riscontra un intenso peggioramento dell’acne.
Inoltre, è sempre un bene ricordarlo, stare troppo sotto al sole potrebbe, alla lunga, invecchiare la pelle o peggio, causare gravi problemi alla salute, come la comparsa di un tumore.

Consigli

Spiegato ciò, è il momento di elencare qualche utile suggerimento per un’estate con una pelle che non assomigli a un campo da golf:

  1. Guai a sospendere una cura per l’acne, qualora se ne stia seguendo una, in quanto esistono farmaci che si possono utilizzare anche nella stagione calda;
  2. Proteggere sempre la pelle (non solo al mare, ma anche in montagna) con schermi solari e con il grado più opportuno di protezione UV;
  3. Evitare di esporsi al sole nelle ore più roventi;
  4. Non schiacciare i brufoli. Il rischio è che si sviluppino altre infezioni batteriche e compaiano cicatrici;
  5. Bere meno latte possibile: è l’unico alimento di cui si sospetta il ‘contributo’ allo sviluppo dell’acne (come si legge qui: http://www.fondazioneveronesi.it/articoli/alimentazione/combattere-lacne-meglio-evitare-latticini-zuccheri-e-grassi-saturi);
  6. Fare una volta alla settimana una maschera all’argilla per pulire la pelle;
  7. In spiaggia, bagnarsi spesso la pelle del viso o immergersi nell’acqua del mare, in quanto questa ha proprietà detergenti, antinfiammatorie e battericide;
  8. Al rientro dalla spiaggia optare per una doccia con un detergente antiacne;
  9. Consultare un dermatologo, evitando i metodi fai-da-te.

Il nono punto, in realtà, dovrebbe essere il primo... 

Leggi anche:
L'acne è una patologia della pelle che si manifesta con brufoli, punti neri e cisti. Cosa fare, cosa evitare e quali rimedi adottare.
02/01/2018
04/05/2016
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere