16-11-2012

Erotismo

Salve,Ho 21 anni e faccio sport quotidianamente,Pertanto ho un dubbio che vorrei chiarire con un esperto.Ho letto in giro molte dicerie riguardo il nostro apparato riproduttore, in particolare circa l'autoerotismo, ovvero:- Praticare autoerotismo (e giungere al punto di non ritorno..) provoca perdita di testosterone, il ché ci rende più "scarichi", e effettivamente dopo mi sento sempre un po fiacco..è vero o è causato da altro?- NON praticare autoerotismo (di conseguenza non giungere ad alcuna eiaculazione) col tempo causa danni alla prostata, è vero?Queste due cose vanno in conflitto, io non vorrei arrivare a praticarlo per non dovermi sentire fiacco, ma allo stesso tempo se non lo faccio potrei avere problemi..vorrei qualche chiarimento..Grazie per l'attenzione!
Risposta di:
Dr. Lucia Tossichetti
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Risposta
Favole metropolitane.!,,, Se pratichi sport agonistico, sai dal tuo allenatore che devi " limitarti " sennò non rendi, ma per il resto quod ad vitam quod ad vatitudem. Grazie
TAG: Andrologia | Organi Sessuali | Salute maschile | Urologia