15-10-2012

Esito RM

GEN.MO DOTTORE BUONGIORNO MI KIAMO LUCIANA LE SCRIVO DA MILANO PER ESPORRE IL MIO PROBLEMA SOFFRO DA ANNI DI PERICARDITE AL CUORE 2 ANNI FA SONO STATA RICOVERATA IN OSPEDALE PER UNA BRONCOPOLMONITE FACENDO UNA LASTRA DI CONTROLLO IL 10/10/2012 VOLEVO SAPERE PER FAVORE SE MI PUO SPIEGARE IL REFERTO/ NN SI NOTANO NEI POLMONI IMMAGINI DI PROCESSI INFIAMMATORIPARANCHIMALI IN ATTO- lli DI MEDIE DIMENSIONI. SENI CASTROFENICI PERVI- EMIDIAFRAMMI CURVINEI- SPONDILOSI DORSALE- LA RINGRAZIO DI CUORE. LUCIANA
Dr. Gina Risetti
Risposta di:
Dr. Gina Risetti
Specialista in Chirurgia pediatrica
Risposta
Buongiorno, significa che nei suoi polmoni non vi sono processi infiammatori a carico del parenchima ( il tessuto che riveste i polmoni costituito dai lobuli polmonari), gli ili polmonari ( piccole cavità del polmone che favoriscono l'accesso a bronchi e nervi) non sono ingrossati quindi non vi sono infezioni in atto, i seni costofrenici sono una parte della cavità pleurica ( la pleura è la membrana che avvolge i polmoni) e dalla risonanza risultano liberi. Per quanto riguarda la spondilosi dorsale è una malattia degenerativa che delinea un'artrosi generalizzata a livello della colonna vertebrale, in cui è prevista la progressiva, seppur lenta, deformazione delle articolazioni posteriori e del disco. I pazienti affetti da spondilosi lamentano spesso “una rigidità diffusa ed un dolore intermittente, che si accentua al mattino”: il dolore e la rigidità tendono ad attenuarsi nel corso della giornata, con il riposo e con applicazioni di calore. È possibile alleviare il dolore provocato dalla spondilosi attraverso la somministrazione di farmaci specifici antiartrosici ed antinfiammatori; tuttavia, il paziente malato di spondilosi dovrebbe riposare, evitare sforzi, seguire una dieta corretta, sottoporsi a mirati massaggi fisioterapici, e praticare stretching o nuoto. Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti Cordialmente
TAG: Biochimica clinica | Esami | Medicina generale | Patologia clinica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!