17-11-2003

Gentile dottore, circa una settimana fa ho

Gentile dottore, circa una settimana fa ho eseguito un esame del Sangue e il valore della Transaminasi gpt è di 47 (valore di riferimento 10-28). Oggi, durante la palpazione dello stomaco, la ginecologa, che è anche un medico chirurgo, mi ha detto che ho una colecistite. Le chiedo, pertanto, se il valore fuori dal range di normalità, della transaminasi GPT, è da associarsi alla colecisti. Inoltre, in quale organo devo effettuare una ecografia per sapere se è Colecistite o qualche altra malattia del fegato? La colecistite può creare tachicardie? Grazie per la sua gentile attenzione. Porgo i miei più cari saluti.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Un singolo riscontro di GPT aumentata, peraltro di poco, rispetto ai valori di riferimento, è poco significativa e non permette di elaborare diagnosi. Vanno ripetuti periodicamente, mensilmente, le transaminasi per almeno 6 mesi per poter dare valore alla alterazione e approfondire con esami appropriati. E’ improbabile che tale valore possa essere associato alla colecisti, in mancanza di coliche biliari vere e proprie, comunque il modo migliore per valutare le condizioni della sua colecisti è quello di effettuare una ecografia epatica e delle vie biliari, così da verificare la presenza di calcoli od altre problematiche relative alla colecisti. In caso di infiammazione della colecisti sono stati ipotizzati meccanismi riflessi che possono portare ad alterazioni del ritmo cardiaco, incluse tachicardie.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!