Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

22-02-2013

Importante è la media

Ho 62 anni e da almeno 30 pratico cicloturismo: lunghe pedalate con amici, senza fretta, ma con molte salite.Ogni anno effettuo l'ECG sotto sforzo o l'ecodoppler completo dell'apparato cardio vascolare. Finora tutto e' risultato nella norma, ovvero i miei fattori di rischio sono "sotto controllo": piccole placche e ipertensione lieve. La recente morte di un caro amico durante una delle tante nostre escursioni in MTB ha scatenato in me una profonda sofferenza per questa perdita e il timore che questa attivita' sportiva possa nuocere alla salute del cuore. Mi sono sottoposto quindi a un nuovo controllo (ecodoppler completo) anche se nel maggio 2012 avevo già sostenuto l'ECG sotto sforzo risultato nella norma. Dalla visita non e' emerso alcunché di patologico se non quei fattori di rischio gia' menzionati tenuti "sotto controllo"; il cardiologo mi ha comunque consigliato di abbassare la soglia dei battiti durante lo sforzo: stare sotto i 140. Ho iniziato a usare il cardiofrequenzimetro e mi sto rendendo conto che, soprattutto in salita, raggiungo il limite di 140 senza percepire una sensazione di reale sforzo. Arrivo alla domanda: pedalare qualche minuto oltre la soglia dei 140 può essere dannoso per la salute del mio cuore? Dovrei cambiare l'organizzazione dei miei itinerari e rinunciare alle salite?Grazie Piero
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta

E' giusto il consiglio del cardiologo. Comunque  superare la soglia per qualche minuto non crea particolari problemi se questo costituisce una piccola parte dello sforzo totale. Non rinunci alle salite ma valuti l'impatto che hanno sull'intero percorso.

Buona serata

TAG: Medicina dello sport | Sport e Fitness
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!