18-05-2018

Malattia demelinizzante

Salve ho molti dubbi....circa 15 giorni fa il mio ragazzo ha avuto un episodio di diplopia accompagnata a nistagmo...dopo essere stato visitato da un oculista gli e stato consigliato una consulenza neurologica urg e rmn encefalo...fu ricoverato in neurologia dopo circa 5 giorni rmn encefalo con mdc dove si intravedono in t2 aree ipereintense leupatiche di natura demilizzante? Altro. Puntura lombale con reazione pandy negativa e rrmn cervicale solots cosa aree iperintene, di natura demielozzante???? Ha iniziato solumedrol in vena per conque giorni nn ancora segni di miglioramento tutti potenziali evocati visivi motori sensoriali nella norma...esami ematici colesterolo elevato omocisteona elevata pressione alta esame malattie auimmuni neg..puo essere sm? Potrebbero queste zone rilevate dalla risonanza essere microictus? Dopo. IlTeso cortisone la diplopia resta?

Risposta di:
Prof. Carlo Gandolfo
Specialista in Neurologia e Terapia fisica e riabilitazione
Risposta

La sintomatologia sembra compatibile con una malattia demielinizzante; il dato sembra confermato dal tipo di trattamento intrapreso dai neurologi curanti. All'esame del liquor va valutata la presenza di bande oligoclonali all'isoelectrofocusing e non certo la reazione di Pandy che appartiene all'archeologia neurologica. Escluderei che possa trattarsi di ictus anche se la presenza di fattori di rischio vascolare non deve essere sottovalutata ma piuttosto corretta con opportune modifiche dietetiche e, se necessario, con farmaci.

TAG: Adulti | Esami | Malattie neurologiche | Neurologia | Radiodiagnostica | Sistema nervoso | Vista
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!