01-08-2012

necessità di aiuto specialistico

Salve,mio marito di anni 57,dopo circa un anno,specialmente in questi ultimi5 mesi è cambiato totalmente per quanto riguarda il carattere...è diventato intrattabile,aggredisce per non essere aggredito quando parla.quando litighiamo ha scatti nervosi,tira calci a porte e armadi,e poi si ripete "devo resistere,devo resistere" e poi cambia faccia,...dopo 30 di matrimonio io non l'ho mai visto così,è una persona che non conoscevo,un medico molto bravo,anziano con molta e conosciuto,mi ha detto che lui è depresso e avrebbe bisogno di un aiuto ,ma lui dice di stare bene e rifiuta aiuti,.Inoltre mio marito dice che vuole stare così e vivere la cosa serenamente,cosa impossibile perchè non parla,si è chiuso in se stesso, è diventato apatico,è ingrassato di circa 15 chili.Da circa un mese e più ,dopo avermi curata io al posto suo(20 punture di Liposom forte e rivotril,e l'aiuto di DIO,mi sento molto calma quindi cerco di non litigare più,ma lui non fa niente per migliorare ,pensa solo a mangiare,gli stò facendo assaporare la mia indifferenza....ma niente..dormiamo ultimamente in camere separate,ma lui si chiude la porta.Sto cercando di prendere un appuntamento con uno psichiatra,sempre se ci verrà....cosa mi consiglia? Grazie!
Risposta

Gentile utente,

    penso che nel suo caso sia importante la valutazione di uno Psichiatra.Lei ha agito nella giusta direzione cercando di ottenere un appuntamento.Credo sia essenziale cercare di convincere con calma il marito della necessità di un aiuto professionale esterno.Molto spesso la strada giusta per uscire da una situazione di sofferenza psichica non è la sola forza di volontà,ma una terapia adeguata.

   Cordiali saluti

Piergiorgio Biondani.

TAG: Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale