30-05-2006

Sono un ragazzo di 29 anni affetto da hcv genotipo

Sono un ragazzo di 29 anni affetto da hcv genotipo 2 e emocromatosi.
Dopo la normalizzazione della ferritina tramite salasso terapia ho iniziato una cura antivirale composta da pegasys 180+ribavirina.
Al terzo mese di terapia l'esame quantitativo dava buoni risultati.
Adesso dopo sei mesi dalla fine della terapia ho fatto l'esame qualitativo che come risultato mi ha dato una recidiva.
Può essere un falso positivo e in caso di recidiva devo ripetere la terapia, in che dosaggio? Grazie distinti saluti.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Sebbene non possa mai essere escluso a priori che un test possa dare un rislutato falso positivo, è da ritenre che lei abbia avuto una recidiva al trattamento. Le consiglimao pertanto, prima di tutto, di ripetere il test per una sua conferma eventuale. In un secondo momento, se confermata la positività per HCV-RNA, può essere sottoposto ad un 2° ciclo terapeutico con antivirale.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!