25-06-2018

Utilizzo ansiolitici

Buongiorno è da quando ho 25 anni (ora ne ho 46) che soffro di un disturbo psichico che dovrebbe essere qualcosa di simile ad un disturbo bipolare con elementi ossessivi, ho fatto percorsi di psicoterapia e (negli anni) preso psicofarmaci di vari tipi (Zoloft, Depakin, Prozac, Serenase, Carbolithium, Escitalopram, Brintellix ed altri che non ricordo), adesso prendo 1 compressa di Citalopram da 20mg ed una compressa di Tianeptina sodica da 12,5 mg e sinceramente sto benino, in più questi farmaci non influiscono sulla sfera sessuale cosa che invece accadeva con altri tipi di psicofarmaci o se non lo facevano non mi facevano neanche stare meglio.

La mia domanda è questa, visto che tale cura me la ha prescritta uno psichiatra spagnolo in quanto ho vissuto in Spagna per un periodo e visto che in Italia (non so perchè) la Tianeptina non è in vendita, sapreste indicarmi un valido sostituto per essa (con caratteristiche simili)? C'è da dire anche che mi sono rimesso a studiare all'università e mi pare che la Tianeptiìna mi aiuti anche un pochino nello studio nel senso della concentrazione (come ho letto su internet). Attendo cortese riscontro. Saluti.

Risposta di:
Dr. Emanuele De Vietro
Specialista in Psichiatria e Psicologia ad indirizzo medico
Risposta

Buondì, la tianeptina non è un SSRI, ma un SSRE. La E sta per Enhancer, al posto della I che sta per Inhibitor. La tianeptina è dunque un farmaco che incrementa il reuptake della serotonina invece che inibirlo, e va ad agire in aree cerebrali che rispondono positivamente ad una diminuzione della disponibilità di serotonina (causata da un aumento della sua ricaptazione). In Italia non è commercializzata. Non ho esperienza diretta del suo uso, pertanto non posso fornirle informazioni precise. Credo tuttavia, che le molecole per la cura della depressione siano molte, alcune realmente molto efficaci, occorre avere comunque un atteggiamento realista e non pensare che esista una pillola miracolosa. Mi rendo conto che quando si soffre ci si aggrappa anche alla minima speranza; però non credo che la tianeptina sia la panacea per la depressione o ansia. Inoltre mi permetto di consigliare, in associazione, una psicoterapia cognitivo comportamentale con terapeuta esperto per avere risultati migliori. Un caro saluto

TAG: Adulti | Disturbi dell'umore | Farmacologia | Giovani | Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale | Terapie