Search
I medici più attivi
Ultimi articoli

Dr. Andrea MilitelloDottore Premium

Specialista in Andrologia

Medico Specialista Privato
Roma (RM) | Vedi mappa
358 Risposte | 37 Articoli |
follower
Indietro
11 MAR 2019

Esiti patologici e stato di recidiva biochimica (BCR) nei giovani sottoposti a prostatectomia radicale

Esiti patologici e stato di recidiva biochimica (BCR) nei giovani sottoposti a prostatectomia radicale

Precedenti studi sulle caratteristiche del cancro alla prostata (PCa) in uomini più giovani hanno riportato risultati contrastanti. Questo studio ha lo scopo di indagare gli esiti patologici e lo stato di recidiva biochimica (BCR) negli uomini più giovani sottoposti a prostatectomia radicale (RP) per PCa.
Sono stati esaminati i record di 2057 pazienti sottoposti a RP presso il Seoul National University Bundang Hospital (Seongnam, Corea) tra il 2006 e il 2015; i pazienti venivano suddivisi in base all'età nei gruppi più giovani e più anziani (uomini di età ≤ 50 e> 50 anni, rispettivamente). Stato postoperatorio BCR e risultati funzionali e caratteristiche clinicopatologiche sono stati confrontati tra i due gruppi. Tutte le analisi sono state ripetute dopo la corrispondenza del punteggio di propensione.

I più giovani avevano più probabilità di avere una malattia a basso rischio (P <0,001), un punteggio di Gleason patologico inferiore (P <0,001) e stadi patologici (P <0,001) rispetto agli uomini più anziani. Il punteggio patologico di Gleason (P = 0,002) e le percentuali di estensione extracapsulare (P = 0,004) erano più bassi negli uomini più giovani dopo la corrispondenza del punteggio di propensione. Nell'analisi multivariata, l'età alla RP non era un predittore indipendente di sopravvivenza libera da BCR dopo RP (P = 0.669). Inoltre, a 1 anno dopo RP, gli uomini più giovani con punteggio preoperatorio dell'Internazionale in 5 punti della funzione erettile punteggio ≥22 (n = 228) hanno mostrato risultati più favorevoli per la continenza urinaria (definita come non utilizzo di elettrodi al giorno) (99,4% vs 95%, P = 0,009) ed erezioni sufficienti per il rapporto vaginale (81,8% vs 55,5%, P = 0,001).

I più giovani avevano caratteristiche clinico-patologiche più favorevoli in RP rispetto ai loro omologhi più anziani. Sebbene l'età non fosse un fattore predittivo indipendente dell'outcome dello stato della BCR, gli uomini più giovani hanno avuto esiti funzionali migliori dopo RP.

Per approfondire:

Leggi anche:
L'incontinenza urinaria è la perdita involontaria di urina, una condizione molto frequente che riguarda soprattutto l'universo femminile.
Ultimi post
Il ruolo delle proteine nell'infertilità maschile
Il ruolo delle proteine nell'infertilità maschile
04 Marzo, 2019
Reclutare cellule staminali endogene: un nuovo approccio terapeutico per la disfunzione erettile
Reclutare cellule staminali endogene: un nuovo approccio terapeutico per la disfunzione erettile
25 Febbraio, 2019
Traumatologia o frattura del pene
Traumatologia o frattura del pene
18 Febbraio, 2019
Trapianto di cellule staminali e terapia a onde d'urto a bassa energia (LESWT) nella cura della disfunzione erettile
Trapianto di cellule staminali e terapia a onde d'urto a bassa energia (LESWT) nella cura della disfunzione erettile
11 Febbraio, 2019
Fumo, diabete, ipertensione arteriosa: possibile ruolo etiologico per la malattia di Peyronie?
Fumo, diabete, ipertensione arteriosa: possibile ruolo etiologico per la malattia di Peyronie?
04 Febbraio, 2019
Chi sono

Andrologo Urologo Scuola Italiana di Ecografia Master di II° livello in Andrologia Protesica e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Master in Fisiopatologia della Riproduzione Umana Comitato Scientifico presso l'Universita' UNIFEDER nel Dipartimento di Scienze Urologiche, Biomediche e Traslazionali