Dr. Andrea MilitelloDottore Premium

Specialista in Andrologia

Medico Specialista Privato
Roma (RM) | Vedi mappa
360 Risposte | 47 Articoli |
follower
Indietro
04 MAR 2019

Il ruolo delle proteine nell'infertilità maschile

Il ruolo delle proteine nell'infertilità maschile

La maturazione spermatica disfunzionale è la ragione principale della scarsa motilità e morfologia degli spermatozoi negli uomini infertili. Gli spermatozoi di uomini infertili sono stati frazionati su un gradiente di densità a tre strati (80%, 60% e 40%).
La frazione 1 (F1) si riferisce allo stadio meno maturo con la densità più bassa, mentre la frazione 4 (F4) include gli spermatozoi mobili più densi e morfologicamente maturi. La frazione 2 (F2) e la frazione 3 (F3) rappresentano gli stadi intermedi. Le proteine ​​sono state estratte e separate mediante gel monodimensionale. Le bande sono state digerite con tripsina e analizzate su un sistema di spettrometria di massa ibrido LTQ-Orbitrap Elite.

Le annotazioni funzionali delle proteine ​​sono state ottenute utilizzando strumenti di bioinformatica e database di percorsi. Un totale di 1585 proteine ​​sono state rilevate nelle quattro frazioni di spermatozoi. Un turnover proteico disregolato e il ripiegamento delle proteine ​​possono portare all'accumulo di proteine ​​o proteine ​​difettose che altrimenti sarebbero state eliminate durante il processo di maturazione, con conseguente compromissione della funzione spermatica.

L'espressione di chaperone aberrante può essere un importante fattore che contribuisce alla funzione spermatica difettosa. Il recettore degli androgeni era previsto come regolatore della trascrizione in una delle reti e le vie affette erano la risposta allo stress mediata da chaperone, la via proteosomiale e la funzione spermatica. La downregulation di pathway e proteine ​​chiave che compromettono il potenziale fertilizzante degli spermatozoi può fornire informazioni sui meccanismi che portano alla sterilità maschile.

Per chi volesse approfondire approfondire riporto il link dell’articolo originale:

 
Leggi anche:
I risultati sinora ottenuti sono entusiasmanti. Secondo la Società Italiana di Andrologia, il 70% dei pazienti guarisce dopo il trattamento con le onde d’urto.
Ultimi post
Possibili cause genetiche nella prostatite cronica non batterica
Possibili cause genetiche nella prostatite cronica non batterica
27 Giugno, 2019
Trattamento della ipertrofia prostatica con il vapore acqueo: il sistema Rezum
Trattamento della ipertrofia prostatica con il vapore acqueo: il sistema Rezum
21 Giugno, 2019
Nuove varianti di DPY19L2 nei pazienti globoazoospermici
Nuove varianti di DPY19L2 nei pazienti globoazoospermici
14 Giugno, 2019
Resistenza alla terapia ormonale del tumore della prostata
Resistenza alla terapia ormonale del tumore della prostata
20 Maggio, 2019
La progressione del tumore prostatico: il segreto nelle cellule staminali tumorali
La progressione del tumore prostatico: il segreto nelle cellule staminali tumorali
13 Maggio, 2019
Chi sono

Andrologo Urologo Scuola Italiana di Ecografia Master di II° livello in Andrologia Protesica e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Master in Fisiopatologia della Riproduzione Umana Comitato Scientifico presso l'Universita' UNIFEDER nel Dipartimento di Scienze Urologiche, Biomediche e Traslazionali