Dr. Andrea Militello

Specialista in Andrologia e Urologia

Medico Specialista Privato
Roma (RM) | Vedi mappa
360 Risposte | 67 Articoli |
follower
Indietro
18 NOV 2019

Livelli aumentati di esosomi possono distinguere il tumore prostatico dall'ipertrofia

Livelli aumentati di esosomi possono distinguere il tumore prostatico dall'ipertrofia

Un interessante studio dei colleghi italiani riguardanti un interessantissimo argomento.

L'antigene prostatico specifico (PSA) non riesce a discriminare tra iperplasia prostatica benigna (IPB) e cancro alla prostata (PCa), causando un gran numero di biopsie non necessarie e diagnosi di cancro mancate. Le nanovesicole chiamate esosomi sono rilevabili direttamente nel plasma dei pazienti. Questo studio ha esplorato il potenziale uso di esosomi plasmatici che esprimono PSA (Exo-PSA) nel distinguere individui sani, BPH e PCa.

Gli esosomi sono stati ottenuti da campioni di plasma di 80 PCa, 80 BPH e 80 donatori sani (CTR). Analisi di tracciamento delle nanoparticelle (NTA), ELISA (IC-ELISA) a base di immunocapture e citometria a flusso su nanoscala (NSFC), sono state sfruttate per rilevare e caratterizzare esosomi plasmatici. L'analisi statistica ha mostrato che gli esosomi plasmatici che esprimono sia il CD81 che il PSA erano significativamente più alti nel PCa rispetto sia al BPH che al CTR, raggiungendo il 100% di specificità e sensibilità nel distinguere i pazienti con PCa da individui sani.

Il punteggio di consenso IC-ELISA, NSFC ed Exo-PSA (EXOMIX) hanno mostrato specificità e sensibilità dal 98 al 100% per la discriminazione BPH-PCa. Questo studio supera il test PSA convenzionale con un approccio ampiamente sfruttabile minimamente invasivo.

 

Fonte:

Ultimi post
Inversione della vasectomia: si può con la microchirurgia
Inversione della vasectomia: si può con la microchirurgia
09 Marzo, 2020
Dermatite atopica del pene: trovate alcune cause genetiche
Dermatite atopica del pene: trovate alcune cause genetiche
02 Marzo, 2020
Metformina per migliorare la funzione degli spermatozoi
Metformina per migliorare la funzione degli spermatozoi
24 Febbraio, 2020
Gli integratori di zinco e acido folico non migliorano la fertilità negli uomini
Gli integratori di zinco e acido folico non migliorano la fertilità negli uomini
10 Febbraio, 2020
Moderne strategie nel trattamento della malattia di Peyronie: le protesi peniene
Moderne strategie nel trattamento della malattia di Peyronie: le protesi peniene
20 Gennaio, 2020
Chi sono
Andrologo Urologo Scuola Italiana di Ecografia Master di II° livello in Andrologia Protesica e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Master in Fisiopatologia della Riproduzione Umana Libero docente presso l'Universita' UNIFEDER nel Dipartimento di Scienze Urologiche, Biomediche e Traslazionali