Dr.ssa Elisa Marcheselli

Specialista in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione e Psicoterapia

Psicologo - Psicoterapeuta
Arezzo (AR) | Vedi mappa
2 Risposte | 45 Articoli |
follower
Indietro
29 GIU 2020

Darsi degli obiettivi aiuta la ripresa psicofisica dopo la malattia oncologica

Darsi degli obiettivi aiuta la ripresa psicofisica dopo la malattia oncologica

Avere un obiettivo ben specifico nella nostra vita, agendo per raggiungerlo e trovare un significato ad ogni azione, è sicuramente un buon alleato della nostra salute, fisica ed emotiva. Chi ha un obiettivo da realizzare vivrebbe più serenamente la propria esistenza essendo più felice e anche più sano.

Uno studio, condotto dai ricercatori dell'Università della California di San Diego su oltre mille persone di età compresa tra i 21 e i 100 anni, dimostra proprio questo: le persone con obiettivi trovano un senso alla loro vita, diventano più calme e contente, e quando non hanno un obiettivo provano molto più stress.

Perché porsi degli obiettivi?

Ma non sempre è facile mantenere un approccio così dinamico e reattivo, specialmente quando si affronta una malattia emotivamente complesso come il cancro. Ci sono vari stadi dove la persona può toccare alti picchi di dolore emotivo. Il primo è dopo aver ricevuto la diagnosi, dove molti aspetti della propria vita possono cambiare e non sempre è facile riuscire ad affrontare questa nuova condizione. Successivamente, il sottoporsi a interventi chirurgici e alle varie terapie farmacologiche, possono essere momenti ancora delicati ed emotivamente faticosi. Per questo le scienze psicologiche sono sempre più attente al sostegno e al supporto di queste delicate situazioni. E le ricerche dimostrano che porsi obiettivi e prendersi cura di sé con azioni e attività durante il corso delle giornate aiuta la ripresa fisica e mentale.

All’ultimo congresso mondiale di oncologia non si è parlato solo di nuove terapie farmacologiche. Quest’anno è stato dato ampio spazio alle ricerche sulla qualità della vita della persona parlando di dieta, attività fisica e qualità della vita. Che sono una parte importante delle cure, come ci hanno raccontato gli esperti.

Reagire in modo positivo migliora il recupero dalla malattia

È importante lavorare sulla propria autostima dopo aver subito una situazione traumatica come quella della malattia. È scientificamente dimostrato che se il paziente reagisce in modo positivo alla ripresa della propria vita, anche il recupero dalla malattia migliora nei tempi e nella qualità. Il paziente che elabora il proprio vissuto sulla malattia attraverso anche un supporto psicologico, con l'obiettivo di riprendere la propria vita fatta da progettualità e obiettivi da raggiungere, sarà un paziente con minore tendenza all’ansia e alla depressione e, verosimilmente, con uno stato psico-fisico migliore. Ci sono molti fattori che contribuiscono al miglioramento della prognosi e alla riduzione del rischio delle ricadute, in primis l’atteggiamento emotivo che viene adottato nella fase di ripresa.

Ultimi post
In che modo la musica apporta dei benefici alla nostra mente?
In che modo la musica apporta dei benefici alla nostra mente?
22 Giugno, 2020
Cosa provoca la fine di una relazione amorosa?
Cosa provoca la fine di una relazione amorosa?
08 Giugno, 2020
I benefici psicologici di vivere con un cane
I benefici psicologici di vivere con un cane
03 Giugno, 2020
I pericoli dei videogames online
I pericoli dei videogames online
25 Maggio, 2020
Aumento dei casi di cyberbullismo durante il lockdown
Aumento dei casi di cyberbullismo durante il lockdown
18 Maggio, 2020
Chi sono
Sono la Dott.ssa Elisa Marcheselli, mi occupo di salute mentale e benessere psico-fisico. Tratto disturbi clinici come depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari e di personalità. Aiuto le persone a risolvere disagi emotivi e relazionali in ambito personale e professionale. Studio i comportamenti connessi alla dipendenza da internet e i comportamenti antisociali che nascono dall'uso improprio delle tecnologie (cybercrime, cyberbullismo, sexting, pedofilia on line, hatespeech). Lavoro all'interno dei sistemi organizzativi per favorire un clima positivo e produttivo e per potenziare la performance. Studio ed utilizzo la Tecnologia Positiva, per aumentare il benessere individuale e organizzativo. Promuovo l'uso positivo e consapevole delle nuove tecnologie.