Dr.ssa Elisa Marcheselli

Specialista in Psicologia

Psicologo
Arezzo (AR) | Vedi mappa
2 Risposte | 60 Articoli |
follower
Indietro
19 OTT 2020

Esiste una psicologia specifica per la selezione del personale?

Esiste una psicologia specifica per la selezione del personale?

Esiste una psicologia specifica per la selezione del personale? A mio avviso si. Esiste un modo specifico di applicare le conoscenze e le strategie psicologiche, specifiche per selezionare persone a precise posizioni professionali. Per lo meno sarebbe auspicabile che questa delicata operazione sia effettuata con strumenti psicologici specifici e particolareggiati.

Quando si parla di Selezione del personale si fa riferimento al processo messo in atto dalla funzione Risorse Umane o da esperti esterni all’azienda, con lo scopo di inserire un individuo in azienda, per una determinata posizione lavorativa.

Le soft skills per valutazione di un soggetto

L’esame del soggetto ha lo scopo di valutare caratteristiche psicologiche del quale esso è in possesso per ricoprire al meglio quella determinata mansione lavorativa. Il professionista che deve valutare il soggetto necessariamente deve conoscere le caratteristiche della posizione lavorativa oggetto di selezione, che in pratica si traduce nella redazione di una Job analisys (analisi della posizione lavorativa), da cui poi scaturisce una Job description (descrizione analitica delle principali caratteristiche di una posizione lavorativa). Da questo emerge il profilo ideale del candidato con caratteristiche comunicative e relazionali e tecnico professionali necessarie per ricoprire quella mansione.

E da qui si apre il magico mondo delle soft skills, ovvero le caratteristiche personali che in un contesto lavorativo influenzano il modo in cui facciamo fronte di volta in volta alle richieste dell'ambiente lavorativo e sono (tratto da Almalaurea):

  • Autonomia
    È la capacità di svolgere i compiti assegnati senza il bisogno di una costante supervisione facendo ricorso alle proprie risorse.
     
  • Fiducia in se stessi
    È la consapevolezza del proprio valore, delle proprie capacità e delle proprie idee al di là delle opinioni degli altri.
     
  • Flessibilità/Adattabilità
    Significa sapersi adattare a contesti lavorativi mutevoli, essere aperti alle novità e disponibili a collaborare con persone con punti di vista anche diversi dal proprio.
     
  • Resistenza allo stress
    È la capacità di reagire positivamente alla pressione lavorativa mantenendo il controllo, rimanendo focalizzati sulle priorità e di non trasferire su altri le proprie eventuali tensioni.
     
  • Capacità di pianificare ed organizzare
    È la capacità di realizzare idee, identificando obiettivi e priorità e, tenendo conto del tempo a disposizione, pianificarne il processo, organizzandone le risorse.
     
  • Precisione/Attenzione ai dettagli
    È l’attitudine ad essere accurati, diligenti e attenti a ciò che si fa, curandone i particolari e i dettagli verso il risultato finale.
     
  • Apprendere in maniera continuativa
    È la capacità di riconoscere le proprie lacune ed aree di miglioramento, attivandosi per acquisire e migliorare sempre più le proprie conoscenze e competenze.
     
  • Conseguire obiettivi
    È l’impegno, la capacità, la determinazione che si mette nel conseguire gli obiettivi assegnati e, se possibile, superarli.
     
  • Gestire le informazioni
    Abilità nell’acquisire, organizzare e riformulare efficacemente dati e conoscenze provenienti da fonti diverse, verso un obiettivo definito.
     
  • Essere intraprendente/Spirito d’iniziativa
    È la capacità di sviluppare idee e saperle organizzare in progetti per i quali si persegue la realizzazione, correndo anche rischi per riuscirci.
     
  • Capacità comunicativa
    È la capacità di trasmettere e condividere in modo chiaro e sintetico idee ed informazioni con tutti i propri interlocutori, di ascoltarli e di confrontarsi con loro efficacemente.
     
  • Problem Solving
    È un approccio al lavoro che, identificandone le priorità e le criticità, permette di individuare le possibili migliori soluzioni ai problemi.
     
  • Team work
    È la disponibilità a lavorare e collaborare con gli altri, avendo il desiderio di costruire relazioni positive tese al raggiungimento del compito assegnato.
     
  • Leadership
    È l’innata capacità di condurre, motivare e trascinare gli altri verso mete e obiettivi ambiziosi, creando consenso e fiducia.

Testa e cuore, anche a lavoro

Nel mondo del lavoro le competenze tecnico pratiche stanno diventando sempre meno importanti rispetto le competenze psico-attitudinali, in quanto saper comunicare, lavorare in gruppo, tenere testa allo stress sono competenze trasversali che fanno non solo aumentare i fatturati aziendali, ma fanno investire sul personale con caratteristiche vincenti le aziende che necessitano di mantenere o sviluppare la propria ascesa economica.

Quindi il suggerimento è “imparare a fare” ma tenendo presente sempre che ciò che fa la differenza è il “come viene fatto” ciò che sappiamo fare, mettendo come dicevano gli antichi non solo la testa ma anche il cuore, ovvero la parte calda e motiva della nostra psiche in grado di fare la differenza su tutto.

Ultimi post
Il secondo momento del Digital Divide
Il secondo momento del Digital Divide
10 Novembre, 2020
L'arte di saper portare a sé: la seduzione
L'arte di saper portare a sé: la seduzione
03 Novembre, 2020
Le informazioni ci condizionano mentalmente
Le informazioni ci condizionano mentalmente
29 Ottobre, 2020
La forza interiore: essere artefici del proprio destino
La forza interiore: essere artefici del proprio destino
09 Ottobre, 2020
Quando nasce un figlio, nasce anche una mamma e un papà
Quando nasce un figlio, nasce anche una mamma e un papà
25 Settembre, 2020
Chi sono
Sono la Dott. ssa Elisa Marcheselli, mi occupo di salute mentale e benessere psico-fisico. Tratto disturbi clinici come depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari e di personalità. Aiuto le persone a risolvere disagi emotivi e relazionali in ambito personale e professionale. Studio i comportamenti connessi alla dipendenza da internet e i comportamenti antisociali che nascono dall'uso improprio delle tecnologie (cybercrime, cyberbullismo, sexting, pedofilia on line, hatespeech). Lavoro all'interno dei sistemi organizzativi per favorire un clima positivo e produttivo e per potenziare la performance. Studio ed utilizzo la Tecnologia Positiva, per aumentare il benessere individuale e organizzativo. Promuovo l'uso positivo e consapevole delle nuove tecnologie.