Dr.ssa Elisa Marcheselli

Specialista in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione e Psicoterapia

Psicologo - Psicoterapeuta
Arezzo (AR) | Vedi mappa
2 Risposte | 49 Articoli |
follower
Indietro
14 APR 2020

I lati positivi della quarantena

I lati positivi della quarantena

Le situazioni che non possiamo controllare ci spaventano, ma se guardiamo al lato positivo ovvero al bright side, ci accorgiamo che questo momento ha anche degli elementi positivi.  Innanzitutto la distanza fisica dalle persone a noi care ci fa riflettere sull’importanza di questi rapporti e il sentire la sana mancanza è un modo per aumentare la nostra consapevolezza dell’importanza delle relazioni che abbiamo intorno. Questa social distance in realtà può unirci emotivamente, ci troviamo per la prima volta a essere costretti ad ascoltare noi stessi e i nostri pensieri, a interfacciarci con le nostre fragilità.

Un altro elemento che oggettivamente risulta positivo in questo situazione è il minor numero di livelli di inquinamento nel nostro pianeta. Le città rumorose si sono silenziate, gli spostamenti delle persone sono diminuiti e questo ha fatto sì che la natura rifiorisse regalandoci delle bellissime giornate primaverili.
Sono diminuiti i furti nelle abitazioni a causa appunto della permanenza delle persone nelle proprie case.

Alcune ricerche confermano che il 9% della popolazione italiana ha cercato di adattarsi in modo funzionale e positivo a questo periodo di emergenza portando avanti idee e progettualità e cercando di attuare le strategie migliori per sostenere questo grande cambiamento. Questa fetta della popolazione è sicuramente un esempio per tutti e può fungere da ispirazione anche per modificare i comportamenti sbagliati e sostituirli con quelli più utili nell’affrontare questo periodo che è stato prolungato per un altro po’.

Per gestire la frenesia e la voglia di uscire, possiamo rivolgere il nostro pensiero ai meno fortunati di questo momento: i contagiati i quali vivono il calvario del ricovero in ospedale. Un'esperienza dolorosa e straziante. Sono questi, quindi, gli esempi che ci devono far riflettere. Non vale la pena assecondare un capriccio della nostra mente senza valutare i rischi reali ai quali possiamo andare incontro per noi stessi e per gli altri; rimaniamo realistici con la percezione oggettiva della situazione che abbiamo intorno senza anteporre i propri egoismi al bene di tutta la collettività.

Ultimi post
Spingere la mente oltre i limiti
Spingere la mente oltre i limiti
21 Luglio, 2020
Le microaggressioni giornaliere: una minaccia al proprio benessere
Le microaggressioni giornaliere: una minaccia al proprio benessere
13 Luglio, 2020
La capacità specifica di risolvere problemi: il Problem Solving
La capacità specifica di risolvere problemi: il Problem Solving
03 Luglio, 2020
Darsi degli obiettivi aiuta la ripresa psicofisica dopo la malattia oncologica
Darsi degli obiettivi aiuta la ripresa psicofisica dopo la malattia oncologica
29 Giugno, 2020
In che modo la musica apporta dei benefici alla nostra mente?
In che modo la musica apporta dei benefici alla nostra mente?
22 Giugno, 2020
Chi sono
Sono la Dott.ssa Elisa Marcheselli, mi occupo di salute mentale e benessere psico-fisico. Tratto disturbi clinici come depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari e di personalità. Aiuto le persone a risolvere disagi emotivi e relazionali in ambito personale e professionale. Studio i comportamenti connessi alla dipendenza da internet e i comportamenti antisociali che nascono dall'uso improprio delle tecnologie (cybercrime, cyberbullismo, sexting, pedofilia on line, hatespeech). Lavoro all'interno dei sistemi organizzativi per favorire un clima positivo e produttivo e per potenziare la performance. Studio ed utilizzo la Tecnologia Positiva, per aumentare il benessere individuale e organizzativo. Promuovo l'uso positivo e consapevole delle nuove tecnologie.