Dr.ssa Elisa Marcheselli

Specialista in Psicologia

Psicologo
Arezzo (AR) | Vedi mappa
2 Risposte | 65 Articoli |
follower
Indietro
14 DIC 2020

Media education per conoscere se stessi

Media education per conoscere se stessi

L’accelerazione dell’uso del digitale nelle scuole ha fatto sì che percorsi di educazione ai mass media siano diventati parte della didattica curricolare, evidenziando le buone prassi di scuole di vario ordine e grado in risposta alle competenze richieste dai mercati futuri.

Siamo passati da una fase di educazione attraverso i media ad una fase contraddistinta dall’educare ai media. I nuovi sistemi di comunicare e di relazionarsi diffusi prevalentemente tra la fascia 10-17 anni hanno fatto sì che anche il sistema educativo si ponesse il problema di trasmettere buone prassi dell’uso della tecnologia.

Risulta quindi necessario insegnare ai ragazzi l’uso consapevole delle nuove tecnologie, informando sui rischi e vantaggi di un mondo digitale sempre più caratterizzato da un linguaggio fatto di condivisioni emotive.

La media education risulta uno strumento attraverso il quale affrontare i temi di rilevanza psicosociale: dal contrasto alla discriminazione; dai comportamenti di dipendenza ad essi connessi; dai reati che sfociano nel mondo del web. Usare il digitale significa sviluppare competenze psicologiche, che si concretizzano nell’avere conoscenza di se stessi, imparare il controllo emotivo, valutare le conseguenze future di ogni azione.

Ultimi post
La
La "Peer Education" nel mondo dello sport
01 Dicembre, 2020
A cosa serve l'orientamento psicologico?
A cosa serve l'orientamento psicologico?
26 Novembre, 2020
Ti senti più Fomo o Jomo?
Ti senti più Fomo o Jomo?
24 Novembre, 2020
L'esclusione digitale è un problema psico-sociale
L'esclusione digitale è un problema psico-sociale
20 Novembre, 2020
Il secondo momento del Digital Divide
Il secondo momento del Digital Divide
10 Novembre, 2020
Chi sono
Sono la Dott. ssa Elisa Marcheselli, mi occupo di salute mentale e benessere psico-fisico. Tratto disturbi clinici come depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari e di personalità. Aiuto le persone a risolvere disagi emotivi e relazionali in ambito personale e professionale. Studio i comportamenti connessi alla dipendenza da internet e i comportamenti antisociali che nascono dall'uso improprio delle tecnologie (cybercrime, cyberbullismo, sexting, pedofilia on line, hatespeech). Lavoro all'interno dei sistemi organizzativi per favorire un clima positivo e produttivo e per potenziare la performance. Studio ed utilizzo la Tecnologia Positiva, per aumentare il benessere individuale e organizzativo. Promuovo l'uso positivo e consapevole delle nuove tecnologie.