Dr.ssa Elisa Marcheselli Dottore Premium

Specialista in Psicoterapia e Psicologia dello sviluppo e dell'educazione

Psicologo - Psicoterapeuta
Arezzo (AR) | Vedi mappa
2 Risposte | 19 Articoli |
follower
Indietro
17 SET 2019

Quali sono i disturbi psicologici che possono essere curati con la psicoterapia?

Quali sono i disturbi psicologici che possono essere curati con la psicoterapia?

Per intraprendere una psicoterapia, ci possono essere svariate motivazioni. Tuttavia è bene chiarire subito che un percorso psicoterapico è un percorso su se stessi molto serio e impegnativo. Lavorare su se stessi implica una forte motivazione e anche una dose di messa in discussione personale.

Lo psicoterapeuta è quindi un professionista abilitato ad effettuare un trattamento terapeutico finalizzato alla cura dei disturbi psicopatologici o delle difficoltà che la persona incontra nella sua vita. A differenza dello psicologo, lo psicoterapeuta mette in atto tecniche e strategie che si concretizzano in prescrizioni o a volte in somministrazione di protocolli scientifici adeguati al trattamento di una specifica patologia.

Quali disturbi cura la psicoterapia?

Il motivo per intraprendere un percorso terapico può riguardare un disturbo specifico o una difficoltà. In questa sessione presenterò una carrelata dei principali disturbi psicopatologici che possono portare un familiare a chiedere aiuto al professionista oppure o stesso soggetto.

  • Dipendenze patologiche: quando la ricerca del piacere o dell'eccitazione è patologica e quindi esagerata e senza controllo, come ad esempio nell'alcolismo, la dipendenza da Internet, la dipendenza dal gioco d'azzardo o la dipendenza da sostanze.
  • Disturbi cognitivi: riconoscibili per una compromissione delle cosiddette funzioni razionali quali la memoria, la capacità di ragionamento, la capacità di problem solving, l'attenzione, il linguaggio. Esempi di disturbi cognitivi sono la malattia di Alzheimer e l'amnesia.
  • Disturbi d'ansia: in cui l'ansia influisce pesantemente nella vita delle persone, limitandoli e provocando comportamenti in grado di peggiorare la situazione anziché risolverla. Come nel caso degli Attacchi di panico, le fobie, il disturbo d'ansia generalizzato, il disturbo post-traumatico da stress, il disturbo acuto da stress.
  • Disturbi del comportamento alimentare: modalità di alimentarsi disfunzionale, come nel caso dell'anoressia, la bulimia, il disturbo da alimentazione incontrollata (Binge eating disorder).
  • Disturbi del controllo degli impulsi: caratterizzati dall'incapacità di resistere all'impulso di compiere un'attività, come disturbo ossessivo-compulsivo, la cleptomania, la piromania, la tricotillomania, la dermatillomania, il disturbo del controllo della rabbia, il disturbo esplosivo intermittente, disturbo oppositivo provocatorio.
  • Disturbi del sonno: caratterizzati da anomalie della qualità e quantità, o del ritmo del sonno o da comportamenti inconsueti che si verificano durante il sonno, come nell'insonnia, l'ipersonnia, la narcolessia, il disturbo del sonno legato alla respirazione, il disturbo del ritmo circadiano del sonno, il disturbo da incubi, il terrore del sonno (Pavor nocturnus), il sonnambulismo.
  • Disturbi dell'adattamento: in cui, rispetto ad un evento difficile della vita, la persona risponde in modo da danneggiare il proprio funzionamento a livello sociale o lavorativo.
  • Disturbi dell'infanzia/adolescenza: sono i disturbi diagnosticati solitamente per la prima volta nell'infanzia, nella fanciullezza o nell'adolescenza. Esempi di tali disturbi sono: i disturbi da tic, i disturbi del comportamento dirompente, i disturbi dell'apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia), i disturbi della comunicazione, i disturbi della nutrizione e dell'alimentazione, i disturbi dell'evacuazione (Encopresi, Enuresi), il disturbo d'ansia di separazione, il disturbo da deficit dell'attenzione (ADHD), i Disturbi pervasivi dello sviluppo, il Mutismo selettivo, il Ritardo mentale.
  • Disturbi dell'umore: in cui gli sbalzi del tono dell'umore sono tali da danneggiare l'area sociale, lavorativa e relazionale della persona. Ad esempio: la depressione, il disturbo maniaco-depressivo (Bipolare).
  • Disturbi di personalità: modi di comportarsi stabili nel tempo che sono dannosi o che provocano disagio alla persona. I disturbi di personalità maggiormente diffusi sono: l'antisociale, il borderline, il dipendente, l'evitante, l'istrionico, il narcisistico, l'ossessivo-compulsivo, il paranoide, lo schizoide, lo schizotipico.
  • Disturbi dissociativi: caratterizzati da alterazioni degli stati di coscienza. La persona può arrivare ad assumere una nuova o più personalità o dimenticare intere parti della propria vita. Sono disturbi dissociativi: l'amnesia dissociativa, la fuga dissociativa, il disturbo dissociativo dell'identità (disturbo da personalità multipla), il disturbo di depersonalizzazione.
  • Disturbi fittizi: in cui la persona simula intenzionalmente una malattia o una sintomatologia, ma non per ottenere vataggi economici o materiali, ma per ricevere le cure e le attenzioni psicologiche che solitamente riceve un malato.
  • Disturbi psicotici: caratterizzati da sintomi quali l'allucinazione e il delirio. Sono disturbi psicotici: il disturbo delirante, il disturbo piscotico condiviso, il disturbo psicotico breve, il disturbo schizoaffettivo, il disturbo schizofreniforme, la schizofrenia.
  • Disturbi sessuali: in cui il proprio comportamento sessuale provoca disagio a sé o agli altri, come ad esempio nei disturbi del desiderio sessuale, i disturbi da eccitazione sessuale, i disturbi dell'orgasmo, i disturbi del dolore sessuale, le parafilie (esibizionismo, feticismo, frotteurismo, pedofilia, masochismo, sadismo, feticismo di travestimento, voyeurismo), i disturbi dell'identità di genere.
  • Disturbi somatoformi: in cui vi sono problemi fisici senza che si riesca però ad individuare una causa organica. Sono i cosiddetti disturbi "psicosomatici" che creano confusione e imbarazzo nella medicina ufficiale più tradizionale e materialista. I Disturbi somatoformi sono di origine psicologica e si suddividono in: Disturbo di somatizzazione, Disturbo somatoforme indifferenziato, Disturbo di conversione, Disturbo algico, Ipocondria, Disturbo di disformismo corporeo.

ll termine psicoterapia deriva dal greco antico: psiche = anima; terapia = cura. La psicoterapia prende in cura la sofferenza psichica. I modi in cui si manifesta la sofferenza psichica, come elencato sopra, così come i sintomi che compaiono sono moltissimi e diversi ma tendono ad organizzarsi sotto forma di Disturbi psicologici tipici e riconoscibili e per questo possono essere risolti e trasformati da disfunzionali a funzionali.

Ultimi post
L'innovazione personale? La creatività
L'innovazione personale? La creatività
08 Gennaio, 2020
Il tempo mentale
Il tempo mentale
16 Dicembre, 2019
Perché le persone si appassionano agli eGames? Ce lo spiega la Cyberpsicologia
Perché le persone si appassionano agli eGames? Ce lo spiega la Cyberpsicologia
05 Dicembre, 2019
Il gusto dell'intuizione: serendipity
Il gusto dell'intuizione: serendipity
02 Dicembre, 2019
Flow experience, il piacere di immergersi in un'esperienza
Flow experience, il piacere di immergersi in un'esperienza
25 Novembre, 2019
Chi sono
Sono la Dott.ssa Elisa Marcheselli, mi occupo di salute mentale e benessere psico-fisico. Tratto disturbi clinici come depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari e di personalità. Aiuto le persone a risolvere disagi emotivi e relazionali in ambito personale e professionale. Studio i comportamenti connessi alla dipendenza da internet e i comportamenti antisociali che nascono dall'uso improprio delle tecnologie (cybercrime, cyberbullismo, sexting, pedofilia on line, hatespeech). Lavoro all'interno dei sistemi organizzativi per favorire un clima positivo e produttivo e per potenziare la performance. Studio ed utilizzo la Tecnologia Positiva, per aumentare il benessere individuale e organizzativo. Promuovo l'uso positivo e consapevole delle nuove tecnologie.