Dr. Luano Fattorini

Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva

Medico Specialista Privato
Livorno (LI) | Vedi mappa
687 Risposte | 16 Articoli |
follower
Indietro
07 APR 2020

Il ruolo dei Medici di base: come può essere riorganizzato il territorio?

Il ruolo dei Medici di base: come può essere riorganizzato il territorio?

Mai come in questo tragico momento pandemico c'è stata la evidente necessità, ora obbligata e urgente, di riconsiderare e riorganizzare il “territorio” e il prezioso e irrinunciabile ruolo delle cosiddette “cure primarie”. Il coronavirus covid-19 ci costringe ad adottare da subito misure che ci permettano di “convivere” con una epidemia a lenta risoluzione in tutto il Paese e in tutto il mondo.

Tali misure devono essere volte a liberare gli ospedali da una eccessiva e impropria pressione che si è venuta per forza a creare, per renderli idonei a continuare il lavoro necessario ad una corretta ordinaria attività insieme alle urgenti necessità del momento. Ma soprattutto devono essere idonee a permettere ai medici di base e al territorio sanitario extraospedaliero di svolgere la loro preziosissima opera di intervento precoce, di diagnosi, di cura, di sostegno e controllo, di una morbilità così diffusa e di una letalità così minacciosa e massiccia.

A tal proposito propongo di seguito, ancora una volta, alcune mie personali considerazioni di ordine generale. È giunta l'ora di ri-parlare del "territorio", di riconsiderare e rilanciare il ruolo delle cure primarie.

L’ospedale va ridimensionato, in questo difficile momento va anche liberato dalla pesante pressione in atto e reso idoneo alla sua molteplice e insostituibile funzione. Come ho scritto molte volte, in varie occasioni, l'ospedale va ridimensionato e non solo, come si diceva, perché è troppo costoso per l’erario, ma anche perché va rilanciata la cosiddetta medicina del territorio in una sana ed equilibrata sanità a favore dei cittadini.

Ma parlare di cure primarie non deve essere semplicemente un ripiego; i problemi sono questi:

  1. La medicina del territorio è certamente più semplice ed economica, almeno per adesso, e soprattutto è più a misura d’uomo e di famiglia; ma bisogna convincerci anche che essa “sarebbe” la più autentica risposta in termini di traduzione clinico-professionale alle complesse problematiche di salute della popolazione odierna (morbilità e prevenzione, primo accesso nella patologia acuta, momenti epidemici, invecchiamento della popolazione, disabilità e cronicità diffusa, follow-up, ecc..) e ai sempre più avanzati progressi scientifici della medicina.

  2. La medicina del territorio si basa praticamente sul lavoro dei medici di base (o medici di medicina generale o medici di famiglia) cosiddetti “generalisti”; i distretti ne “dovrebbero” essere un supporto e un’appendice (non un’appendicite…).

  3. Occorre una medicina del territorio diversa, più adeguata ad un lavoro clinico che sostituisca in meglio il ricorso troppo diffuso e spesso inappropriato all’ospedale.

  4. Occorre una nuova classe di medici di base; devono avere una preparazione più adeguata dal punto di vista della esperienza clinica, una cultura medico-chirurgica più consistente e funzionale a diagnosi e terapie capaci di essere esaustive ed autonome dalla “presenza” ospedaliera.

  5. Occorre, se necessario, aumentare il carico “clinico”, magari supportandolo con il lavoro infermieristico e abolire o ridurre al minimo il carico “burocratico”.

  6. Occorrono strumenti diversi: gli ambulatori, le strutture e la strumentazione per interventi clinici, fatti da medici di medicina generale, devono essere autonomi e capaci di operare senza il ricorso costante al supporto specialistico.

  7. Tali medici si formano in modi che vanno rivisti e ri-progettati, ma di certo diversamente da come si stanno formando da troppi anni ormai, quindi occorre invertire la tendenza.

  8. Occorre una riconversione culturale: ormai è diffusissima, anche tra gli stessi operatori, la cultura che per ogni problema di salute il meglio è rappresentato dallo specialista di settore: occorre riscoprire il valore insostituibile della medicina generalista e “olistica” nella cura della persona.

  9. Se necessario, per aiutare tale riconversione culturale, occorre, magari pro-tempore, tornare a medici che stanno part-time in ospedale e part-time esercitano come medici di base, con il supporto di personale, infermieristico e amministrativo; e vanno adeguatamente incentivati dal punto di vista finanziario, normativo e di carriera, a differenza del passato in cui furono disincentivati e “puniti” per il “doppio lavoro”.

  10. Poiché lo stato ha bisogno ed avrà sempre più bisogno della burocrazia, per controllo e programmazione finanziaria, occorre destinare a ciò personale diverso dai medici di base, riattribuendo quindi a questi ultimi le funzioni cliniche per cui hanno studiato, riguadagnandoli così alla stima “clinico-professionale” dei cittadini. I cittadini amano il loro medico “di famiglia”, lo dicono anche i sondaggi, ma quando si sentono davvero male vanno subito al pronto soccorso (disposti ad attendere ore e ore) o dallo specialista del ramo; e magari poi chiamano il loro medico a casa per farsi scrivere la terapia che gli altri hanno prescritto.

  11. Occorre rieducare la gente a fare un uso appropriato della medicina, a scegliere la medicina di territorio, ad aspettarsi da essa le soluzioni adeguate, a scegliere il medico in base alla esperienza e alla cultura, non solo sulla simpatia e sulla accondiscendenza.

  12. Occorre inventare strumenti di verifica di qualità sul lavoro di medicina territoriale; la verifica va fatta sul lavoro clinico, non semplicemente sulla spesa di farmaci o sulle prescrizioni. Va fatta sui risultati in termini clinici, come riduzione del ricorso ad altri medici, ospedalieri o specialisti, e sulla celerità e appropriatezza della diagnosi e della restitutio ad integrum o della stabilizzazione della malattia cronica, o della prevenzione di eventi acuti o complicanze attendibili. Su ciò occorre investire con politiche di monitoraggio e di incentivazione, non semplicemente di disincentivazione della spesa e delle prescrizioni, occorre incentivare l’aggiornamento personale e l’innovazione realmente utile ed efficace, non i cosiddetti “corsi” obbligatori diretti dai soliti noti sindacalisti del momento e destinati al mero ripasso del corso di laurea, uguale per tutti e funzionali a dare visibilità e pubblicità all’Asl e ai medici dell’ospedale del distretto geografico di appartenenza, allo scopo di evitare le costose “fughe” o le costose dissonanze.
    Con appropriati strumenti di verifica sarà possibile programmare meglio la spesa e gli investimenti, ma sarà anche possibile dimostrare ai cittadini e agli amministratori, la bontà dell’investimento sulla politica del territorio e sulla credibilità “clinica” della medicina del territorio.

  13. È necessario istituire organi appositi, sia nelle ASL che nei comuni, dedicati allo studio e agli indirizzi sulle politiche delle cure primarie e che tengano un filo diretto e privilegiato, “dedicato”, a necessario supporto del lavoro dei medici di base, dei loro studi convenzionati e della cosiddetta medicina in associazione, o delle odierne “case della salute” o del cosiddetto “ospedale di comunità”, se esiste, e della relazione tra tali realtà di sanità territoriale.

  14. Non dimenticare mai che i medici di base sono dei liberi-professionisti, non dipendenti della ASL, praticamente svolgono un lavoro pubblico ma da privati, in parte parasubordinato. Con tutto ciò che tale posizione comporta a livello della libertà professionale, ma anche a livello di riconoscimento dei diritti propri dei “dipendenti” e del trattamento economico-finanziario, stipendiale, assicurativo e previdenziale.

Ultimi post
La terapia per l'eradicazione dell'Helicobacter Pylori
La terapia per l'eradicazione dell'Helicobacter Pylori
03 Luglio, 2019
Gonfiore e meteorismo dell'addome: cosa può dirci l'ecografia?
Gonfiore e meteorismo dell'addome: cosa può dirci l'ecografia?
10 Gennaio, 2019
La SIBO, sovraccrescita batterica del piccolo intestino
La SIBO, sovraccrescita batterica del piccolo intestino
19 Novembre, 2018
Microbioma umano: il mondo dei microrganismi
Microbioma umano: il mondo dei microrganismi
23 Settembre, 2017
Chi sono
Specialista in Gastroenterologia - Specialista in Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva - Diploma in Ecografia e EcocolorDoppler - Medicina Generale Effettuo Visite e Consulenze di Gastroenterologia per Appuntamento telefonico; Effettuo Ecografie di tutti i distretti e EcololorDoppler, sempre su appuntamento (0586 817074 oppure 3662600977)