Search
I medici più attivi
Ultimi articoli

Dr. Marco La BrunaDottore Premium

Specialista in Oftalmologia

Medico Specialista Privato
Catania (CT) | Vedi mappa
14 Risposte |
follower
Indietro
05 MAR 2019

Ambliopia: un nemico silenzioso

Ambliopia: un nemico silenzioso

L’ambliopia è una condizione patologica che si sviluppa in età pediatrica caratterizzata da una ridotta o assente funzione visiva di un occhio, non causata da danni oculari organici come traumi o infezioni. Si tratta di un deficit nello sviluppo dell’apparato visivo: il cervello, non riuscendo a interpretare correttamente le informazioni che gli giungono, “disattiva” i segnali che provengono da un occhio. Nei bambini il danno è generalmente reversibile, in linea di massima fino a 4-8 anni, anche se sull’età non vi sono ancora evidenza scientifiche.

Quali sono le cause?

L’astigmatismo e l’ipermetropia, tra i vizi di refrazione, possono essere causa di ambliopia se non adeguatamente trattati. L’ambliopia si presenta quando il bambino “non usa” involontariamente un occhio: le immagini da esso provenienti vengono soppresse nella corteccia cerebrale. Il rischio che la funzionalità visiva sia compromessa può dipendere da due ragioni: in caso di strabismo, il cervello non riesce a interpretare le immagini che provengono dall’occhio deviato e poi a sovrapporle a quelle fornite dall’occhio sano; in caso di cataratta congenita o ptosi – eventi più rari – le immagini non riescono a raggiungere la retina.

Qual è il trattamento per l’ambliopia?

La prima cosa da fare per curare l’ambliopia è affidarsi a un medico specialista oculista per individuare ed eliminare gli ostacoli che impediscono la corretta visione. Importante, poi, è cercare di far lavorare quanto più possibile l’occhio pigro; in questo caso la terapia che viene utilizzata, da seguire con attenzione e precisione secondo le indicazioni del medico, è quella del “bendaggio o penalizzazione” con cui si copre l’occhio dominante ovvero sano con una benda o un cerotto. Queste terapie possono durare da alcuni mesi fino ad alcuni anni, durante i quali i genitori non devono permettere al bambino di togliere la benda al fine di non creare un danno irreparabile negli anni successivi. In alcuni casi vengono impiegate gocce di atropina instillate nell’occhio sano: poiché si dilata la pupilla, la visione diventa sfocata, e dunque l’occhio pigro si “riattiva”.

Quali sono le conseguenze e come prevenirla?

Se non trattata per tempo, l’ambliopia può causare la perdita della capacità visiva di uno o di entrambi gli occhi e viene compromessa la visione binoculare tridimensionale: non si riesce più a distinguere la profondità e le distanze degli oggetti.

Per un genitore è molto difficile accorgersi di questa condizione, soprattutto quando non è presente uno strabismo. È indispensabile, quindi, che venga effettuata una visita medica oculistica già in età pediatrica (la prima entro i tre anni) così da prevenire il disturbo e tutte le cause che possono compromettere la funzionalità visiva.

Ultimi post
Cheratocono: le tecniche utilizzate per la diagnosi
Cheratocono: le tecniche utilizzate per la diagnosi
19 Febbraio, 2019
Blefaroplastica superiore: a cosa serve?
Blefaroplastica superiore: a cosa serve?
04 Febbraio, 2019
Chi sono
Studio La Bruna, centro di riferimento nell’ambito chirurgico ed oculistico del Catanese, nasce nel 1980 quando il Dottore Pietro La Bruna apre la sua attività, all’epoca era dirigente di primo livello presso l’azienda ospedaliera di rilievo nazionale Garibaldi ricoprendo già dall’inizio della sua brillante carriera ruoli apicali nella gestione dell’unità operativa. Il Dottore Pietro La Bruna si è laureato in medicina e chirurgia nel 1976 presso la Università degli Studi di Catania con il massimo dei voti (110/110 e lode); successivamente si è specializzato in Oftalmologia con il massimo dei voti nel 1980 presso la Clinica Oculistica di Catania. Si specializza nella microchirurgia oculare in particolare in quella della cataratta, glaucoma, strabismo e chirurgia refrattiva sia in Italia che all’estero. Nei suoi intenti vi era quello di creare un centro di eccellenza sia nella diagnostica sia nella cura della patologie oculari mantenendo un rapporto personale con il paziente seguendolo accuratamente lungo il corso del suo percorso terapeutico. Diventa un punto di riferimento della realtà oculistica italiana garantendo sempre grande competenza e professionalità. Dal 2015 al progetto originario del padre si unisce il figlio il Dottore Marco La Bruna che si laurea in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Catania con il massimo dei voti (110/lode), si specializza a Palermo con il massimo dei voti. approfondisce le sue abilità cliniche e chirurgiche in centri di rilievo nazionale ed internazionale specializzandosi anche in Oftalmoplastica (chirurgia palpebrale e del terzo medio del volto) ricostruttiva ed estetica. Si dedica, eseguendo diversi master sulla chirurgia premium e sulla vitreoretina, anche alla medicina estetica parachirurgica (filler e iniezioni di tossina botulinica), i trattamenti di radiofrequenza e resurfacing del viso, trattamento delle rughe del volto e la cura del viso. Apporta una nuova linfa al progetto originario promuovendo la ristrutturazione della struttura, l’acquisto di macchinari diagnostici all’avanguardia per lo studio delle maculopatie e le patologie della retina, la chirurgia premium della cataratta (impianto di lenti intraoculari multifocali e toriche, chirurgia femto-laser della cataratta) e la chirurgia refrattiva (correzione della miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia), la cura e la chirurgia delle patologie retiniche. Nel 2017 lo Studio Oculistico La Bruna apre una nuova sala operatoria all’avanguardia, attrezzata con le più moderne apparecchiature nata per soddisfare a pieno le esigenze dei pazienti che richiedono un trattamento chirurgico sicuro, di qualità, con l’utilizzo di materiali di eccellenza. avvalendosi di uno staff preparato e competente lo Studio oculistico La Bruna si propone di prendersi cura delle vostre esigenze a 360°. Dott. Marco La Bruna