Dr. Vito Antonio Iannelli

Dr. Vito Antonio Iannelli

Specialista in Psicologia e Psicologia e Psicoterapia

Psicologo - Psicoterapeuta
Milano (MI) | Vedi mappa
1 Risposte |
follower
l mio metodo è quello psicoanalitico che deve la sua invenzione a Sigmund Freud, ma che nel secolo scorso è stato rivisto, integrato con altre discipline e approfondito da Jacques Lacan. Analizzando e ricostruendo la storia del paziente lo si aiuta a trovare la chiave per decifrare i sintomi che vanno in completa remissione. A differenza di altri approcci è più lento ma assicura risultati più duraturi. E’ valido per tutti i sintomi psicologici, dalle fobie alle ossessioni, dall'ipocondria agli attacchi di panico, per le dipendenze, l’anoressia o i disturbi dell’attenzione; funziona meno per i disturbi su base organica che devono essere curati da un medico neurologo o psichiatra. Il metodo psicoanalitico aiuta a ricostruire la propria storia personale e dà la possibilità di narrare l’autobiografia di una persona da un punto di vista soggettivo. Spesso, senza accorgercene, ricopriamo la posizione che Hegel definisce come quella dell “anima bella”, ovvero pensiamo che gli altri ce l’abbiano con noi e ci accusino, ci sentiamo sfortunati, colpiti da un destino avverso, pensiamo che la colpa sia di chi abbiamo intorno e non riusciamo a trovare uno spazio di riflessione in cui riconoscere il nostro prender parte a questo “gioco”. Questo percorso è possibile grazie ad uno spazio di riflessione, da una a tre sedute settimanali, in cui la persona è invitata a parlare liberamente, in un contesto di ascolto empatico e privo di giudizio, tutelato dal segreto professionale. Dal discorso personale emergeranno quei ricordi, quelle espressioni che hanno segnato la vita di ognuno in maniera unica. Tramutare questi eventi in un discorso con uno specialista permetterà di attribuirgli un significato nuovo e meno spiacevole. Il presupposto necessario per un percorso valido è aver fiducia nell'esistenza dell’inconscio. Inconscio non da considerare come una forza oscura o potere soprannaturale che tira le fila dei nostri pensieri o delle nostre azioni, ma per quello che effettivamente è: lo scrigno che racchiude tutte le nostre emozioni e i vissuti passati, la memoria di ciò che siamo stati, tanto grande da non poter sempre essere accessibile alla coscienza. L’accesso alla coscienza è precluso soprattutto per quegli eventi ed emozioni più legati alla nostra infanzia e a carattere traumatico o conflittuale, a causa del profondo valore e impatto che hanno avuto su di noi. Attraverso un lavoro di rielaborazione e riappropriazione del nostro passato acquistiamo la possibilità di gestire meglio e più direttamente il presente per assicurarci un futuro migliore.
Leggi il curriculum
Specialista in
Psicologia, Psicologia clinica, Psicologia e Psicoterapia
Dove ricevo
Studio Medico
via Giorgio Washigton 14
20146 - Milano (MI)
+39 320 9646935
Curriculum

Il dottor Vito Iannelli nasce a Bari nel 1985 . Studia a Bari dove consegue prima il diploma scientifico poi una laurea triennale in scienze e tecniche psicologiche. Ha avuto la sua prima esperienza lavorativa nell'ambito delle dipendenze, iniziando con il tirocinio al Ser.T ed in seguito lavora in una comunità' terapeutica per pazienti con doppie diagnosi, una per la patologia psichiatrica e una di dipendenza.


Nel 2010 consegue la laurea magistrale in psicologia clinica presso la facoltà di psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Laureatosi inizia a svolgere la pratica clinica nello studio associato A.R.P., direttore scientifico Dott. Sabba Orefice, dove si specializza nella raccolta anamnestica e nella psicodiagnosi facendo pratica con i maggiori test psicologici (Wais, matrici di Raven, MMPI-2, SCID-1, SCID-2, Blacky Picture Test e sopratutto il test proiettivo delle macchie di Rorschach per cui consegue il Master in somministrazione ed interpretazione.)

Nel frattempo si iscrive all'albo degli psicologi (iscrizione all'albo n. 15557) e motivato dal suo desiderio di diventare psicoanalista inizia a frequentare la scuola di psicoterapia IRPA di cui il Dott. Massimo Recalcati è direttore scientifico. Durante questo periodo e tuttora svolge pratica clinica presso una comunità terapeutica ad alta protezione del Policlinico di Milano, fornendo sostegno psicologico agli utenti