Le iniezioni intravitreali sono terapie farmacologiche utilizzate per rallentare la perdita progressiva della vista e controllare i sintomi associati alla maculopatia, che prevedono la somministrazione di farmaci nell’occhio secondo modalità che possono cambiare a seconda del tipo di farmaco.1

La degenerazione maculare è una patologia della macula (la parte centrale della retina) legata all’invecchiamento. Il processo con cui si sviluppa è il seguente:

Nell’edema maculare diabetico, invece, i vasi sanguigni della retina sono danneggiati dal diabete e perdono liquido, che si accumula all’interno della macula causando l’edema maculare.2

Tra le proteine che stimolano la produzione di vasi sanguigni la più conosciuta e studiata è il fattore di crescita dell’endotelio vascolare (Vascular Endothelial Growth Factor - VEGF). Dato che l’aumentata espressione di VEGF e di altre proteine ad azione infiammatoria all’interno dell’occhio è la principale causa di diversi tipi di maculopatia, tra le opzioni terapeutiche attualmente disponibili vi sono farmaci anti-VEGF e corticosteroidi (i corticosteroidi utilizzati solo per il trattamento dell’edema maculare diabetico e dell’edema secondario a occlusione venosa retinica).1

Cosa sono le iniezioni intravitreali

I farmaci anti-VEGF sono somministrati tramite iniezione intravitreale, cioè con l’iniezione del farmaco direttamente nell’occhio, attraverso una procedura poco invasiva. I corticosteroidi, più comunemente utilizzati per l’edema maculare, invece, sono inseriti nell’occhio attraverso una procedura simile ma leggermente più invasiva (trattandosi di un impianto intraoculare).1

Registrati per accedere al contenuto
Voglio ricevere notifiche e-mail di Paginemediche e la Newsletter settimanale personalizzata.