La gestione terapeutica delle maculopatie deve essere continua e adeguata, ma a causa della pandemia COVID-19 negli ultimi mesi ciò non è stato spesso possibile. È fondamentale ricordare che, se non trattata, la maculopatia può compromettere la salute dei tuoi occhi. Bisogna tutelare i diritti dei pazienti maculopatici nell’avere cure adeguate e nei tempi indicati dai regimi terapeutici concordati con lo specialista.1-3

Durante i primi mesi della pandemia COVID-19 molti centri privati e ospedalieri hanno sospeso le iniezioni intravitreali rendendo impossibile ai pazienti con maculopatia di curarsi adeguatamente. Molte persone, inoltre, hanno scelto di rinunciare alle iniezioni non solo per impossibilità, ma anche per paura di essere contagiati dal virus.1,2,4

Il virus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 si trasmette direttamente per via aerea e per contatto o indirettamente toccando superfici contaminate. Questo virus è presente in tutti i liquidi e le secrezioni organiche e in particolare nella saliva, nella secrezione nasale e nelle lacrime. Viene trasferito sulle mani entrate in contatto con bocca, naso e occhi. L’infezione può essere trasmessa anche da soggetti infetti asintomatici.5

Nonostante la necessità di limitare i contagi, è importante ricordare che le iniezioni intravitreali sono fondamentali per il trattamento di diversi tipi di maculopatia. Infatti, superato il limite di tempo (indicato dall’oculista) tra un’iniezione e l’altra la maculopatia peggiora compromettendo la salute dei tuoi occhi.1,5

Dopo la riapertura dei centri, avvenuta in seguito alla fine della prima ondata di pandemia, le iniezioni sono diventate di nuovo disponibili per molti pazienti. Ciononostante, vi è una forte ripresa dei casi di COVID-19 e potrebbe esserci il rischio che gli appuntamenti per le iniezioni siano annullati o dilatati nel tempo, compromettendo la continuità terapeutica delle maculopatie.2,5

Attualmente, diversi ospedali e strutture specializzate garantiscono l’esecuzione delle iniezioni intravitreali, ma dovrai tener conto di tutte le indicazioni che ti consentiranno di continuare i trattamenti per la gestione della maculopatia in sicurezza, senza il rischio di essere contagiati:

Registrati per accedere al contenuto
Voglio ricevere notifiche e-mail di Paginemediche e la Newsletter settimanale personalizzata.