Molti pazienti con maculopatia non ricevono le visite e il trattamento adeguati, che consentirebbero una corretta gestione della patologia e quindi una migliore prognosi visiva. La visita oculistica è il primo e fondamentale passo per proteggere la propria vista, permette infatti di diagnosticare precocemente una maculopatia e di poterla gestire in modo adeguato.1

Come mi accorgo di avere una maculopatia?

La maculopatia è una patologia che colpisce la macula, la parte centrale della retina, ed è caratterizzata da una perdita progressiva della visione centrale.2 Esistono diversi tipi di maculopatia che spesso non presentano sintomi evidenti negli stadi iniziali. Per sapere se si è affetti da maculopatia è quindi fondamentale sottoporsi a controlli regolari dall’oculista, che consentiranno di individuare precocemente i primi segni e di fare una diagnosi tempestiva.

Una diagnosi tempestiva è fondamentale per mantenere gli occhi “in salute” e per poterlo fare è necessaria una visita oculistica completa.3,4

In cosa consiste la visita oculistica?

In cosa consiste la visita oculistica? Un esame oculistico completo consiste in una misurazione della vista, detta anche misura della refrazione, che consiste nella determinazione della capacità visiva in termini di acuità. In parole semplici, è il classico esame della vista che il medico esegue chiedendoti di leggere, da lontano o da vicino, delle lettere o dei simboli, eventualmente facendoti provare delle lenti correttive.4

Registrati per accedere al contenuto
Voglio ricevere notifiche e-mail di Paginemediche e la Newsletter settimanale personalizzata.