Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

16-01-2004

Isterectomia

Da circa un anno so di avere un Mioma che ha cominciato a darmi qualche problema da otto mesi: mestruazioni abbondanti accompagnate anche da dolori. Dall'ecografia effettuata in ottobre risulta che l'Utero è aumentato di volume (A.P. 68 mm. L.120 mm. T. 76 mm.), è a ecostruttura disomogenea per reazione fibromatosa a profili irregolari per la presenza di mioma intramurale antero lat destro di 58per46per56 mm. Orientamento antiverso. Morfologia est irregolare. Endometrio regolare 7 mm. Attualmente sono in cura con Microginon per cercare di evitare l'intervento. La mia domanda è la seguente: qualora dovessi comunque sottopormi a un interveto chirurgico, dato che la pillola mi crea non pochi problemi, è sensato asportare solamente il mioma conservando l'utero? Detto altrimenti: è ragionevole pensare che l'utero non abbia solamente un'unica funzione: quella riproduttiva? Nella prassi una donna della mia età, che non mette in conto di avere figli, viene normalmente sottoposta a isterectomia? Ringrazio anticipatamente per la risposta. Distinti saluti, Patrizia.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Gentile signora Patrizia, la decisione di asportare l’utero o soltanto il mioma deve essere presa al momento in cui si decide di effettuare l’intervento dal chirurgo insieme alla donna. Il fine principe dell’utero è senz’altro solo quello riproduttivo, ma bisogna considerare altre questioni. Innanzitutto l’isterectomia totale è un’intervento più grosso di una semplice miomectomia (rischi chirurgici maggiori). Esistono poi altri punti, tra cui quello di non mestruare più (lei è ancora giovane). Ne parli ancora con il suo ginecologo.
TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!