Indica un trapianto in cui il donatore appartiene ad una specie differente da quella del ricevente. Anche se in fase di sperimentazione, è tendenza generale considerarla la procedura che in futuro risolverà il cronico problema della mancanza di organi. Per evitare crisi di rigetto e infezioni virali, gli animali donatori saranno geneticamente modificati.