13-03-2008

Buongiorno ho 30 anni e 4 anni fa mi è stato

Buongiorno ho 30 anni e 4 anni fa mi è stato diagnosticato a seguito di ricovero per ricorrenti sincopi un aneurisma del setto interatriale con sospetto forame pervio. Eseguita un ecotranscranico con manovra di Valsavia si sono rilevate "un passaggio di treno di microbolle talmente numeroso da non poter esser contato"; effettuando un ecotransesofageo ma senza manovra di valsavia non è stato rilevato il forame. Ora mi chiedo cosa devo fare, se continuare con i controlli cardiologici o la positività dell'ecotranscranico sia da collegare ad eventuale altro problema neurologico. Ringraziandovi anticipatamente porgo cordiali saluti.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
I sintomi neurlogi da lei lamentati sono da ricondurre alla Pervietà del Forame Ovale. E’ utile valutare con molta accuratezza l’entità del passaggio perché se minimo-òieve dovrà essere tenuto sotto controllo annualmente, se più evidente, vista la presenza di sintomi neurologici, si potrà procedere alla chiusura per cutanea transcatetere.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!