08-03-2006

Colangite settica

Mio padre è affetto da Colangite settica. purtroppo la diagnosi è stata ritardata da un errore nella interpretazione della biopsia epatica. per questo motivo è stato curato per circa un mese con cortisone ed immunosoppressori. in questo momento è sottoposto a Terapia antibiotica. nonostante i valori ematici si stiano avviando lentamente alla normalità il paziente non riesce a recuperare. il suo aspetto è quello di un malato terminale, accusa estrema debolezza e non è più in grado di camminare da solo. questa sintomatologia era comparsa durante la prima terapia immunosoppressiva e purtroppo ha seguito un andamento progressivo.
devo precisare che nel 2004 è stato diagnosticato un Linfoma non hodgking al 3° stadio. dopo la chemioterapia il tumore sembrava scomparso e l'ultima TAC (1 mese prima della comparsa dei sintomi da colangite), è risultata negativa. vorrei sapere: quali possono essere le cause di colangite settica nel caso di mio padre? quale potrebbe essere la prognosi?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Il linfoma diagnosticato due anni fa è una condizione che comporta una diminuzione delle difese dell’organismo contro le infezioni. Ciò, associato all’età avanzata, in cui, pure, vi è una diminuzione delle difese immunitarie, può avere determinato la condizione di infezione delle vie biliari esprimentesi attaverso la colangite settica. Inoltre, la terapia immunosoppressiva può avere peggiorato la capacità da parte dell’organismo di rispondere all’infezione. La prognosi, in considerazione dell’età e della malattia concomitante rende la prognosi severa, anche se si può esprimere un parere prognostico solo in base ad una conoscenza estesa delle condizioni cliniche del paziente, cosa non possibile in questo contesto.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!