27-09-2012

e topiramato

Buongiorno,sono una ragazza di 25 anni e da quando almeno 15 anni soffro di emicrania, con episodi che vanno da 2-3 volte a 7-8 volte al mese. Purtroppo sono diventata dipendente da OKI: l'unico antinfiammatorio che funziona, con dolorosissime conseguneze allo stomaco (anche usando protettori gastro-intestinali). Sono stata da un neurologo che mi ha consigliato una terapia di 4 mesi con Topiramato Sandoz, senza assicurarmi nulla (anche perchè la sua visita si è limitata ad un breve colloquio e ad un controllo dei riflessi) ma a leggere il foglietto illustrativo non mi sento molto convinta a voler iniziare questa terapia...Lei ha esperienza con questo farmaco? ho trovato effetti indesiderati davvero spiacevoli (disturbi visivi, miopia, glaucoma, calcoli renali, cristalli nelle urine, nausea, diarrea, perdita dei capelli, sindrome di stevens-johnson...). Mi sembrano anche poco chiari i dati riferiti all'interazione con contraccettivi orali (io uso nuvaring) e all'interazione con alcolici...La ringrazio per l'attenzioneBuona giornataLaura
Risposta

Il topiramato è uno dei possibili farmaci da utilizzare per la profilassi degli attacchi di cefaea. Quindi non è sostitutivo del farmaco sintomatico (come l'OKI). I farmaci proposti come profilattici sono tutti incerti, ovvero ad alcuni funzionano e ad altri no, e non si sa perchè. Gli effetti indesiderati sono comuni a tutti i farmaci del mondo (almeno a tutti quelli che funzionano) Io non ho mai usato il topiramato come profilattico della cefaea (invece lo uso molto come antiepilettico), però non escludo di farlo in futuro se dovessi trovarlo opportuno. In generale, la terapia faramacologica delle cefalee, nell'anno del Signore 2012, è un pianto!

Saluti

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia