Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-11-2013

in precedente cateterismo vescicale

Gent.mi, ho 72 anni ed avendo effettuato un'ablazione cardiaca per taticardia parossistica è stato utilizzato il catetere che mi ha procurato una infezione da proteus vulgaris diagnosticato dopo un anno e con spermiocoltura. Dopo 15 giorni di ciproxim 500 ancora avverto disturbi del tipo irritativo, quali indolenzimenti, sensazioni di bisogno di urinare anche se ho verificato che non esiste residuo minzionale e non ho problemi ostruttivi nell'urinare normalmente. Non avendo sofferto negli anni di prostatite forse il tutto è normale ma, non riesco più a sopportare tale situazione. Sarà anche un fatto infiammatorio, ho preso topster e un medicinale naturale Top prostata con serenoa ecc..Insomma Vi prego di chiarirmi questo mio problema che mi sta infaastidendo non poco.Nel ringraziare e scusarmi per il disturbo, porgo cordiali saluti raf
Risposta

Gentile Signore,

è difficile pensare che sia stato il cateterismo in sè a causare l'infezione, molto più probabile è che la manovra abbia scatenato una situazione già presente anche se in modo inavvertito. Comprendiamo le sue apprensioni, ma a distanza, senza poterla visitare e senza poter prendere visione dei suoi accertamenti non è possibile giudicare la situazione con la dovuta appropriatezza. Sappia comunque che queste "irritazioni" prostatiche ben sovente si giovano, più che di antibiotici ed altri integratori dalla dubbia efficacia, dalla scrupolosa osservanza dei molti consigli inerenti lo stile di vita (alimentazione, idratazone, attività fisica e sessuale, eccetera ...) di cui potrà facilemente trovare traccia sui moltissimi siti in cui vengono discussi in particolare questo tipo di problemi.

Saluti

TAG: Reni e vie urinarie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!