Morte donna incinta, ispettori ministero a Milano

Verifiche cominciate stamattina, tappa in Mangiagalli e San Raffaele
Milano, 2 mag. (AdnKronos Salute) - Gli ispettori del ministero della Salute sono arrivati oggi a Milano per dare il via alle verifiche sul caso di Claudia Bordoni, la 36enne incinta morta giovedì 28 aprile, con le gemelline che portava in grembo, alla clinica Mangiagalli (Policlinico di Milano). La donna, prima di approdare nella struttura di via della Commenda, era stata anche in altri due ospedali, in quello di Busto Arsizio (Varese) e al San Raffaele. E stamattina la task force ministeriale, per ricostruire il percorso affrontato dalla paziente e acquisire tutte le informazioni necessarie, ha fatto tappa non solo al Policlinico, ma anche nell'Irccs di via Olgettina.
Nessun contatto ancora con l'ospedale di Busto, dove la donna - ricostruiscono dalla struttura - è stata ricoverata dal 3 al 7 aprile, perché manifestava delle piccole perdite compatibili con una placenta bassa. Una condizione constatata dai medici che l'hanno tenuta in osservazione per 4 giorni fino a quando, su richiesta della stessa paziente di vedere il proprio ginecologo, sono state concordate delle dimissioni protette.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Medicina legale
Prov. di Napoli
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Medicina legale
Prov. di Roma
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Medicina legale
Prov. di Roma
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Ostetrica
Viterbo (VT)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Milano (MI)
Specialista in Medicina legale
Salerno (SA)