26-04-2018

Calo di globuli bianchi

Buonasera, lunedi ho effettuato un controllo dell'emocromo e ci sono dei valori leggermente alterati. Premetto che a fine gennaio ho avuto un'influenza con un pò di febbre ed herpes labiale. terapia riposo ed un antibiitico leggero da 200mg per 6 giorni. I primi di marzo ripeto ciclo di antibiotici, macladin da 500 per 7 gionri per muco giallo verde dal naso con una sfebbratina con 38 e poi normalizzata gia la sera stessa con tachipirina. Dal 5 al 14 di Aprile altro ciclo con Clorazer 750mg a causa del muco ancora presente nel naso ed anche nell'espettorato. Il 18 aprile altra sfebbratina con 37.8 subito rientrata il giorno dopo. 19 al 24 ciclo con Rocefin iniezioni per muco giallo/verde dall'espettorato.

Soffro di bronchiectasie ed aspergillosi broncopolmonare allergica tenuta sotto controllo con sporanox 2 o 4 compresse al giorno che ho preso per 4 anni a cicli alternati e con pulmaxan da 200. Attualmente sporanox interrotto da quasi un anno e sto continuando il pulmaxan. Questi i valori dell'emocromo, potete gentilmente spiegarrmi a cosa è dovuto il calo di globuli bianchi se devo preoccuparmi e/o devo approfondire? gli altri esami standard che ho fatto oltre all'emocromo sono tutti perfetti. Eritrociti 5.4 3.9-5.5 Leucociti 4.4 4.5-8.0 Emoglobina 14.7 12.0 - 17.0 Ematocrito 42 40-50 Mcv 81 80 - 100 Mch 30 25-33 Mchc 32 31-36 Linfociti 47 25-40 Monociti 3 3-10 Neutrofili 48 50-70 Eosinofili 2 1-4 Basofili 0 0-1 Piastrine 190 150-400 Ves 5 2-12 PCR negativa

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

Lei ha assunto almeno 4 cicli di diversi antibiotici nell'arco di neppure 4 mesi per sindromi apparentemente influenzali con scarso rialzo termico per la sola presenza di espettorato "colorato" e/o secreto nasale purulento. Inoltre è affetto da ABPA (aspergillosi broncopolmonare allergica) che tratta (sono sue parole) tenendo sotto controllo con cicli di Sporanox. Mi auguro che per l' ABPA sia seguito da uno specialista pneumologo. L'ABPA normalmente si tratta con Itraconazolo in prima battuta, con altri antibiotici antiaspergillo se sospetto di farmacoresistenza. Il successo terapeutico si valuta con il dosaggio delle IgE totali, da eseguirsi prima dell'inizio della terapia e dopo tre mesi. Se le IgE totali scendono di almeno il 50% del valore iniziale (Normalmente molto elevato), si può parlare di risposta favorevole alla terapia. I globuli bianchi sono pressoché normali.

La terapia inalatoria con cortisonici (lei utilizza la Budesonide) non è indicata a lungo termine, in quanto questi favoriscono le sovrainfezioni fungine (tipicamente la candidiasi orofaringea), ma anche profonde come l'aspergilllosi polmonare. Lei è portatore di bronchiectasie, immagino centrali, tipiche dell'ABPA. Pertanto sarebbe indicato per lei eseguire: 1) dosaggio delle IgE totali (per sospetto di ripresa di malattia aspergillare), 2) esecuzione di TC seni paranasali (altra sede di infezione aspergillare), 3) esame colturale di espettorato per germi comuni o funghi ed eventuale ABG 4) Un soggetto con bronchiectasie (centrali o ai lobi inferiori) dovrebbe essere addestrato ad eseguire un drenaggio posturale due volte al giorno per tutta la vita anche con tecnica ELTGOL (un buon fisioterapista respiratorio la conosce), al fine di ridurre al minimo la stasi del muco a livello delle bronchiectasie (il muco, per la sua costituzione, è una prelibatezza per germi e funghi, in cui vivono e si moltiplicano benissimo. Spero di essere stato chiaro. Cordiali saluti. PS: la eventuale contemporanea presenza di sinusite e di bronchiectasie deve far insorgere il sospetto di sindrome di Kartagener.

TAG: Allergologia e immunologia clinica | Apparato Respiratorio | Esami | Farmacologia | Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi