15-11-2007

Cataratta post traumatica

Gentile Professore, in data 24.02.2007 a seguito di sinistro stradale riportavo la seguente
diagnosi "Colpo di frusta rachide cervicale e trauma cranico minore". Ai primi di ottobre previa visita oculistica constatavo di aver avuto un calo della vista all’ OS di circa 6 gradi, con appannamento e diplopia. L’oculista mi presciveva accertamenti: Erg-Pev (esito negativo); Carico idrico(negativo); campo visivo 120 punti (negativo); Analisi del sangue con i seguenti valori alterati: C4 (58);Uricemia (7.7); Trigliceridi (227); G.O.T. (38); Consulenza neurologica dove non veniva riscontrata nessuna patologia e RMN con e senza mezzo di contrasto con studio del nervo ottico il cui risultato risltava essere tutto nella norma. Il mio oculista a questo punto ipotizzava una cataratta post-traumatica e mi prescriveva un campo visivo 30-2 (ancora da effettuare). Da quanto sopra esposto gradirei avere un vostro parere. certo di una vostra risposta vi invio i più cordiali saluti.
GUIDO GIRAUDO
Risposta di:
GUIDO GIRAUDO
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Risposta
Gentile Paziente, vista la corrispondenza temporale, è probabile che abbia ragione il suo oculista e che si tratti di cataratta post traumatica. Se questo è il caso, Le consiglio di cominciare a prendere in considerazione un evetuale intervento di cataratta. COmunque, prima sarebbe meglio valutare bene eventuali coinvolgimenti retinici o alterazioni della motilità oculare (diplopia). Se vuole, siamo disponibili a valutare il suo caso specifico. COrdiali saluti, Prof. Emilio Balestrazzi
TAG: Occhi | Oftalmologia | Vista
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!