28-01-2004

Colangio-pancreatografia retrograda

Gentili Signori, Vi interpello ancora per l'ennesima volta, e perciò mi scuso in anticipo. Sono ancora in attesa che mia madre venga sottoposta ad un intervento chirugico di Resezione epatica ma sono sorti ulteriori dubbi. Breve riassunto: novembre scorso mia madre veniva sottoosta ad una ecografia al fegato per monitorare lo stato di un calcolo biliare di cm 2. In sede ecografica, veniva trovata una formazione di cm 8 nel fegato. La risonanza magnetica confermava dimensione e posizione (vicino vena porta) e evidenziava un contenuto disomogeneo. Succesivamente veniva effettuata una Biopsia del contenuto della lesione. Esito: cellule necrotiche amorfe. Veniva allora effettuata una seconda biopsia del bordo della lesione, una tac con contrasto. Diagnosi: COLANGIOCARCINOMA, che fortunatamente non ha invaso vasi sanuigni ed i linfonodi circostanti sono a posto. Perciò mi hanno detto che un intervento di resezione epatica sarà risolutivo, ed anche voi me lo avete confermato. Mia madre, da sempre, non ha sintomi. Non ha ittero, le analisi del sangue nella norma (solo la gamma gt un po alta ma hanno detto che è normale in presenza di un calcolo biliare di quelle dimensioni). Ultimamente: Alfa feto proteina nella norma, marcatori tumorali nella norma. L'altro ieri hanno sottoposto mia madre ad una colangio-pancreografia retrograda. In questa sede, hanno riscontrato "una formazione" (così si sono espressi, non sono stati più chiari) che ostruisce la via biliare che sfocia nell'intestino. Hanno effettuato un prelievo bioptico della stessa, in quella sede. Hanno quindi detto che ora il chirurgo dovrà valutare in sede di intervento come agire. In pratica non sono più tanto sicuri che si tratti solo di Colangiocarcinoma. La mia domanda è questa:
cosa potrebbe essere? Ho pensato a qualcosa che riguardi il pancreas ma ne sono terrorizzato, in quanto so che il tumore del pancreas è letale e senza scampo. Insomma, non riesco a trovare pace. Che idea avete voi in merito?
Scusate tanto per il disturbo.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La situazione che ci descrive è davvero piuttosto complessa e necessita della piena conoscenza di tutti i dati disponibile per esprimere un giudizio affidabile. E’ estremamente utile conoscere cosa abbiano visto i colleghi durante l’effettuazione della colangio-pancreatografia retrograda e quale sia il risultato del prelievo bioptico. Tuttavia, in realtà, i dati recentemente venuti fuori non collimano con quanto precedentemente mostrava la TC-addonme e tutte le altre indagini fatte, che escludevano la presenza di altre masse tumorali. Sarebbe utile comunque, se non la avesse già effettuata, che sua madxre venga sottoposta ad una Colangio-RM. Tale esame può essere fonte di ulteriore chiarimento.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!