Salve, scrivo per avere un consiglio. Ho 42anni, mai problemi di salute, sportivo da sempre, nuotatore assiduo. Non fumatore, lavoro sedentario. Alla fine di dicembre 2016, il giorno dopo un allenamento, sento qualche piccolo dolore toracico diffuso, anomalo ma non do peso. La settimana successiva ho influenza, un giorno di febbre con tachipirina;... Leggi di più le successive tre settimane sono con tosse secca veramente molto frequente e necessità di soffiare il naso spesso (espettorato molto acquoso). La cosa era anomala per me, non avevo mai avuto simile decorso. Dopodichè un giorno, mentre faccio qualche lavoretto con sforzo fisico moderato, avverto un senso di oppressione e dolore al petto (in zona centrale-centrale dx dello sterno, dura poco, mi basta sdraiarmi sul divano e riposare e si placa), intanto avverto dispnea, un po' di tachicardia, e fare delle scale diventa faticoso. Avverto contestualmente lieve senso di indolenzimento a braccio e coscia sx.Nei giorni successivi avverto sempre un dolorino diffuso destro al torace che si irradia talvolta alla schiena. Il medico prescrive Rx torace/elettrocardiogramma/spirometria: negativi (dalla spirometria capacità superiore alla Norma). Da notare che ho interrotto lo sport subito, tuttavia ho sempre dovuto sostenere sforzi fisici in questi mesi. Mi accorgo che tutti i sintomi si attenuano con il riposo. Quando dormo non ho problemi. Complice la primavera e qualche periodo di riposo miglioro, poi tuttavia altre settimane trafelate e si accentuano i sintomi. Mi viene per un giorno febbre con flogosi alla laringe. Vado da uno pneumologo che prescrive 10gg di cura aerosolica con fluimucil antibiotico/atem/budexan/breva. Miglioro, flogosi eliminata, non più catarro. Tuttavia non sono a posto, mi viene prescritta cura di mantenimento di 3 settimane con Duaklir attualmente in corso. Non mi pare di fare grossi miglioramenti, ho sempre un dolore piu o meno intenso alla zona dx del torace (4-5 costola), ma è delocalizzato e lo sento anche in altre zone (se schiaccio le costole le sento dolere), ogni tanto il dolore gira sulla schiena. Magari un giorno è molto attenuato, un altro in cui sono in ufficio tutto il giorno senza sforzi è più intenso. Mi affatico sempre con molta facilità, soprattutto se sforzo con la zona del petto poi ne pago le conseguenze. Sento sempre lievi indolenzimenti a braccio e coscia sx (nei giorni in cui non ho il dolorino al costato non ho neppure gli indolenzimenti). Ultimamente mi sono accorto che se ho un impacco freddo sul petto provo beneficio. Mi viene il dubbio che l'approccio seguito non centri il bersaglio. Attendo le vostre preziose valutazioni per poter risolvere questo problema, grazie.