il mio compagno dice di essere stato infetto da epatite c guarita del 1985. A seguito di complicazioni dovuti ad una biopsia da lui richiesta due anni or sono, vi è stata un'emorragia interna ed una nuova sofferenza del fegato.Periodicamente si sottopone ad esami del sangue che rivelano il valore delle transaminasi ancora alto.Dice che il suo medico, oltre ad una dieta adeguata, come unica cura gli suggerisce il riposo. Può essere attendibile questo racconto?