15-06-2006

In seguito ad un eco mi è stata diagnosticata una

In seguito ad un ECO mi è stata diagnosticata una insufficienza mitralica medio-severa con parametri ecografici che tendono al trattamento chirurgico riparativo della valvola. Consigliata un'ecografia transesofagea per il calcolo del volume riguritato e la definizione anatomica di lembi valvolari. Le mie domande sono: quali rischi comporta l'intervento? Qual è la percentuale di successo? Esistono terapie farmacologiche o ci si deve operare per forza? Se non ci si opera,a cosa si va incontro? Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
1) l’intervento è un intervento di cardiochirurgia e come tale è gravato di rischi di mortalità e morbilità: la percentuale di rischio dipende dal tipo di intervento, ma anche e soprattutto dallo stato di salute del paziente; in secondo luogo nel corso dell’intervento si può constatare la non fattibilità della riparazione mitralica e può essere necessario sostituire la valvola con una protesi. 3) l’intervento è la soluzione radicale e definitiva (se ha successo) del problema, mentre la terapia medica è solo palliativa, non risolve il problema ma riduce solamente i sintomi 4) all’ultima domanda è difficile rispondere senza conoscere con precisione il quadro clinico e strumentale del paziente: tuttavia lo sbocco ultimo di insufficienza mitralica severa è nello scompenso cardiaco sinistro.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!