02-07-2018

Infezioni al pene

Gentilissimi,

Ho 20-25 anni, due anni fa presi la candida durante un rapporto, dopo aver fatto un incontro con uno specialista (urologo), che mi prescrisse una cura a base di Cicalfate, per 20gg e 3 volte al giorno, risolvetti. A distanza di tempo qualche mese fa, mi ritrovai con dei dossi rossastri sul pene, sia sul glande che sulla pelle. Ripetetti la stessa cura, risolvendo il problema. Un mese fa, si sono presentati dei foruncoli sulla corona del glande, ed emanando cattivo odore. facendolo presente al mio medico curante, mi consigliò una cura a base di Decoderm per 10gg, non ho risolto.

Da due giorni mi sono presentati delle macchie a striscie, rossastre, tutta la pelle del pene screpolata, che durante una normale erezione avverto una sensazione di bruciore. I miei testicoli sono sempre disidratati, e considerando le mie dimensioni del pene in erezione, è strano che si ritiri così tanto durante una situazione di risposo dello stesso. Non so cosa fare e dove andare

Risposta di:
Dr. Giovanni BerettaDottore Premium
Specialista in Andrologia e Patologia della riproduzione umana
Risposta

Gentile lettore, purtroppo in presenza di queste situazioni cliniche complesse, complicate ed intricate come la sua, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo reale problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico e poi dare anche una corretta prognosi. Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo ed aspettare quello che lui ci dirà a valutazione clinica terminata. Un cordiale saluto.

TAG: Andrologia | Batteri | Dermatologia e venereologia | Disturbi dell'apparato uro-genitale | Farmacologia | Infezioni | Malattie infettive | Microbiologia e virologia | Organi Sessuali | Pelle | Salute maschile | Terapie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!