24-01-2018

Ipodiafania parenchimale

Buonasera,

la settimana scorsa mi sono recata in PS per febbre alta persistente ed influenza...

Dopo esami ematici e rx torace mi diagnosticano un principio di polmonite. Il referto della radiografia recitava: addensamento parenchimale di natura flogistica in sede basale anteriore dx. Non versamento pleurico.

Ombre Ilaria e cardiovasale nei limiti. Mi hanno dato terapia antibiotica per 7gg, levofloxicina 500 mg. Il 17 gennaio ho ripetuto rx torace con seguente referto: ipodiafania parenchimale in sede parailare inferiore dx necessariamente da confrontare con precedenti controlli non forniti in visione.

Nulla da segnalare nei restanti ambiti pleiroparenchiali esplorati. Immagine mediastinica nella norma. Potrebbe aiutarmi a capire la differenza tra i due esami in attesa di far visionare il tutto al mio medico curante? Sono un po' in ansia.

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

Lei verosimilmente ha avuto una sindrome influenzale complicata da focolaio pneumonitico alla base dx, persistente a 7 gg.

Le consiglio di assumere altro antibiotico per almeno 7-10 gg, riposo assoluto (no lavoro, no fumo, vita di risparmio, ecc) e successivamente nuova Rx Torace, che dovrebbe mostrare un più o meno avanzato riassorbimento del processo flogistico.

Cordiali saluti.

TAG: Esami | Farmacologia | Infezioni | Malattie da raffreddamento | Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi | Radiodiagnostica | Terapie