Gentili esperti,sono mesi che cerco una risposta al problema che affligge mio padre da un anno e mezzo ormai.L'episodio da cui è partito tutto risale al febbraio del 2010, quando improvvisamente ha avvertito una sorta di scarica elettrica alla testa accompagnata da un momentaneo oscuramento della vista.Preoccupato dall'evento ha avviato tutti i... Leggi di più controlli del caso: pressione arteriosa (lievemente alta e per questo assume farmaci contro l'ipertensione), controllo oculistico (negativo), controllo otorinolaringoiatrico (negativo), controllo cardiologico + ecocardiogramma (negativo), controllo neurologico + RMN (tutto negativo anche qui), emocromo completo (negativo, fatta eccezione per valori lievemente al limite superiore di trigliceridi e colesterolo).Da allora la situazione è pressochè invariata: alterna giorni in cui si sente benino (lievemente stordito, ma tutto sommato in forma) e giornate in cui di botto arrivano vertigini, senso di sbandamento, pesantezza alla testa e quasi svenimento.La situazione è diventata ingestibile perchè non vi sono segnali che preavvisano questa specie di malori e la qualità della sua vita si è notevolmente ridotta.Proprio un paio di giorni fa è arrivato l'ultimo "attacco": ha trascorso 4-5 giorni intontito, con la testa pesante, con il rischio di svenimenti (soprattutto quando passa da una posizione china all'inpiedi), così il neurologo l'ha sottoposto ad un'altra RMN (negativa) e gli ha consigliato l'assunzione di goccine contro le vertigini, una visita audiometrica ed un ecodoppler carotideo.Può forse esserVi d'aiuto sapere che mio padre ha sempre goduto di ottima salute, fatta eccezione per una cervicalgia che si porta dietro da anni ormai: ha 52 anni, corporatura robusta, fumatore, vita piuttosto sedentaria per il lavoro che svolge.Penso di averVi fornito tutti i dettagli del caso.Ora attendo che Voi, esperti specialisti, possiate suggerirci delle ipotesi diagnostiche perchè non sappiamo dove cercare ancora.Grazie infinite,Sara.