20-06-2016

Linfonodi ingrossati, consigliata visita endocrinologica

Buonasera, sono una ragazza di 20 anni e ho un dubbio che mi perseguita ormai da 3 giorni. Allora mi sono accorta di avere un linfonodo ingrossato sulla clavicola sinistra e ovviamente ho pensato al peggio! Premetto che non so da quanto ce l'ho. Ho anche avuto la febbre circa 2 settimane fa, ma poi con efferalgan mi è passata. Mi è tornata il 2 giugno, al che ho contattato il mio medico e mi sono fatta prescrivere l'antibiotico, ora sono al quinto giorno di antibiotico e non ho più nulla, però il linfonodo sembra rimanere grosso, è un pochino rosso e non è dolorante. Premetto che sono molto spaventata perché non ho letto cose rassicuranti su internet, e sicuramente andrò dal mio medico ma vorrei sapere se posso stare tranquilla o mi devo preoccupare. La mia domanda è: i linfonodi ingrossati per infezioni in causa (quindi la febbre che ho avuto) possono essere anche non doloranti?
Risposta
Gentile signorina,
purtroppo non è possibile valutare un linfonodo senza un accurato esame obbiettivo, concordo quindi con la sua intenzione di recarsi quanto prima dal suo medico di famiglia per gli accertamenti del caso. Restando nell'ambito del suo quesito si può dire che i linfonodi infiammatori in fase acuta sono generalmente,ma non obbligatoriamente dolenti in rapporto anche alla tipologia di infezione e alle particolari caratteristiche di reattività personale del soggetto interessato.
   Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani
TAG: Endocrinologia e malattie del ricambio | Ghiandole e ormoni | Infezioni