Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-02-2004

Mi scuso se mi permetto ancora di riproporre un

Mi scuso se mi permetto ancora di riproporre un quesito ma ora sono a conoscenza di maggiori dettagli che mi avete chiesto. Vi ho sottoposto il caso di mia madre operata di calcoli alla cistifellea e dalla cui Biopsia è risultato quanto segue: adenocarcinoma moderatamente differenziato della colecisti, infiltrante la tonaca muscolare del corpo e del fondo, senza estensione ai tessuti adiposi periviscerali. Colletto indenne da localizzazioni neoplastiche. Associati quadri di colecistite cronica con periviscerite. Premetto che mia madre aveva i calcoli da una ventina di anni e che nel mese di novembre ha avuto una Pancreatite acuta e ha subito un intervento alle vie biliari per eliminare dei calcoli che le avevano bloccate. In quella occasione non è risultato niente per quanto riguarda le vie biliari. E' stata eseguita durante quel ricovero anche una TAC addominale che ha dato esito negativo e i marcatori CEA e CE 9-19. Vorrei nuovamente avere informazioni della malattia ed eventualmente anche indirizzi specializzati in quel campo. Ringrazio anticipatamente.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
L’adenocarcinoma della colecisti, che fino a pochi anni fa presentava invariabilmente una prognosi infausta a breve tempo, attualmente, con efficaci terapie chirurgiche di resezione, può permettere ad un gruppo selezionato di pazienti l’opportunità di una più lunga sopravvivenza. E’ la più comune neoplasia del tratto biliare ed il principale fattore di rischio è rappresentato da una irritazione ed infiammazione cronica dell’epitelio che di solito insorge come risultato di una calcolosi della colecisti. Tuttavia sicuramente sono coinvolti anche altri fattori. Una ben associazione è stata rilevata dalla presenza di calcificazione della parete della colecisti, la cosiddetta “colecisti a porcellana”, che si pensa sia il risultato di una infiammazione e cicatrizzazione di lunga durata. In questi casi, i pazienti hanno circa il 25-5 di probabilità di sviluppare un tumore della colecisti, per cui dovrebbe essere eseguita una colecistectomia preventiva. Nella popolazione generale, tuttavia, stante la bassa incidenza di tumori della colecisti e la assai elevata frequenza di riscontro di calcolosi della colecisti, l’indicazione alla colecistectomia dovrebbe ancora essere riservata solo ai pazienti sintomatici. In generale, comunque, l’adenocarcinoma della colecisti è una malattia aggressiva con una prognosi grave: lo stadio della malattia è il fattore più importante per la previsione del decorso clinico. Tuttavia una resezione chirurgica definitiva come procedura iniziale può essere una cura efficace. La probabilità di sopravvivenza a 5 anni, globalmente, è minore del 5%, con una sopravvivenza mediana di 5-8 mesi; soltanto il 25% dei pazienti è suscettibile di essere sottoposto ad intervento chirurgico. D’altro canto, per i pazienti sottoposto a completa resezione, la sopravvivenza a 5 anni è del 100% per lo stadio I di malattia, sebbene questo valore scenda al 67% nello stadio III ed al 33% nello stadio IV di malattia.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!