Pregg.mi Dottori, ho quasi 50 anni ed a seguito di una prostatite con febbre a 38,5° per un paio di giorni, con minzione frequente, non particolarmente dolorosa, ma con un po' di bruciore fastidioso, curata con Tavanic 500 mg per sette giorni (una cpr al giorno), mi sono sottoposto ad ecografia addominale subito dopo aver terminato la cura con... Leggi di più l'antibiotico. L'esito dell'ecografia è stato il seguente: prostata discretamente aumentata di volume (cc. 52,7), ben delineata nel contorno e ad eco-struttura disomogenea per ipertrofia adenomatosa, associata a presenza di grossolana calcificazione in peri-uretrale destra. Eventuale controllo prostatico TR dopo valutazione del PSA.Il medico che ha eseguito l'esame mi ha consigliato per il momento di non praticare ciclismo (due uscite settimanali) e di bere frequentemente liquidi. Volevo chiedere se l'aumento di volume della prostata è stato causato dall'insorgenza acuta della malattia e quindi una volta normalizzato il quadro clinico dovrebbe ritornare normale od ormai il volume rimarrà tale e potrebbe anche aumentare ulteriormente? Inoltre, quando potrò tornare a pedalare, considerato che attualmente non ho più disturbi? Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.