26-03-2018

Referto rx torace

Salve!

Avrei bisogno del vostro aiuto.Mia madre, la settimana scorsa, a seguito di due giorni di febbre ha cominciato ad avere una tosse sempre più incalzante, grassa, ma senza riuscire ad espettorare. Soffro di broncospasmi e per evitare conseguenze ha fatto 6 giorni antibiotico per bocca. La tosse nonostante l areosol e l'antibiotico aumentava e le rendeva difficile respirare, era affannata. Ieri mattina l'ho portata a fare un rx al torace e vorrei allegarvi il referto per sapere il significato di quest'ultimo:

'Esame eseguito nelle proiezioni ortogonali in ortostatismo. Diffusa accentuazione della trama broncovasale su tutto l'ambito polmonare, prevalente in sede basale bilateralmente ove si osservano strie disventilativo-atelettasiche. Seni costofrenici liberi da versamento o normoespansi. Ombra cardiaca nei limiti. Ateromasia calcifica del profilo dell'arco aortico. Decorso scoliotico dell'altra toracica. Mediastino in asse. Spondiloartrosi del rachide dorsale." Vi prego di rispondere, lei si trova fuori sede e non sappiamo a chi rivolgerci, avrà bisogno di un antibiotico in punture? Vi ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione Cordiali saluti

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

Sua madre ha necessità di una visita Pneumologica con spirometria basale + test di reversibilità bronchiale farmacologica. Potrebbe avere una bronchite cronica oppure un'asma misconosciuta ad esordio tardivo (LOA=Late Onset Asthma), per cui, essendo di età avanzata (se lei ha 38 aa, sua madre deve averne almeno 60) può essere stata considerata una bronchitica. Gli antibiotici sono efficaci nella misura in cui uccidono un dato batterio. Possono essere somministrati benissimo per bocca, nella maggior parte dei casi non è necessario ricorrere a farmaci iniettivi. In genere i batteri inducono almeno febbricola, se non febbre elevata. Sua madre ha avuto febbre? Se è lontana da casa la migliore cosa da fare è recarsi ad un PS per una valutazione urgente. Sia l'asma bronchiale che la bronchite cronica ostruttiva (BPCO) sono curate con farmaci inalatori spray, senza dover ricorrere ad aerosolizzatori (tra l'altro ingombranti), da usarsi meglio con un distanziatore (per ovviare ai problemi di scarsa coordinazione nella manovra schiaccio-inspiro).

Cordiali saluti.

TAG: Anziani | Apparato Respiratorio | Esami | Malattie da raffreddamento | Malattie dell'apparato respiratorio | Pneumologia | Polmoni e bronchi | Radiodiagnostica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!