Salve, ho 49 anni e da circa uno sono in menopausa (assenza totale del ciclo).Nell'ultimo anno ho sofferto di almeno 4 episodi di cistite con ematuria trattati con antibiotici ma in tutti i casi all'urinocoltura non è stato possibile rilevare il germe responsabile perché data l'importanza dell'infezione (le ultime due con brivido e febbre) ho assunto subito l'antibiotico. A controlli successivi (terminata la terapia antibiotica dopo 2 settimane) le urinocolture sono risultate sempre negative.Preciso che le infezioni urinarie si sono verificate in concomitanza di rapporti (entro le 24/48 ore successive).Ho effettuato una ecografica renale e vescicale risultata negativa ed una citologia urinaria il cui referto recita:"Clusters uroteliali iperplastici. Numerosi macrofagi (litiasi?)"Devo effettuare un tampone uretrale e vaginale (per altro già effettuato circa 1 anno fa con ricerca per candidosi ed altro risultato negativo) e sicuramente consultare un urologo, ma sono molto preoccupata per il referto citologico.La ginecologa di fiducia mi dice che la situazione della menopausa, le modificazioni ormonali e dei tessuti possono provocare questo tipo di problematica.Potrei avere un parere?Ringrazio.Cinzia