Sono Pacelli Luciana, strada S. Bona Nuova 12, Treviso, tel. 0422 436702-sesso femminile, 60anni, 2 figli maschi di 30 e 32anni;-affetta da ipertiroidismo che curo da 30anni con n 01 pastiglia/dì di Tapazole;-tendenzialmente diabetica, assumo 3 pastiglie da 500mg di Metforal ed 01pastiglia da 0,5mg di Novonorm al giorno;-l’ ipertensione la curo assumendo una pastiglia di Isoptin e una di Neo Lotan Plus al giorno;-per il colesterolo , prendo 01 pastiglia da 40mg /d di Sinvacor .-sottoposta nel 1991 ad isterectomia con conservazione delle ovaie.Circa 10 anni fa mi sono offerta come volontaria per la sperimentazione del Tamoxifene, che ho dovuto però sospendere, dopo circa un anno, per pitosi palpebrale dovuta, secondo l’oculista, all’assunzione del farmaco.Da 7 anni, ogni 28-30 giorni, ho per 3-4 giorni :-delle crisi di astenia intensa seguita da cardiopalmo della durata di ca.4 minuti;- la pressione mi aumenta all’improvviso fino a 220;-ho nausea, non riesco a parlare e non distinguo bene le parole pronunciateda chi mi sta accanto;-mi danno fastidio i suoni forti e i rumori;-3 giorni prima delle crisi ho inappetenza e stanchezza;-in questi anni ho consultato svariati specialisti: endocrinologo, ritmologo, medicina generale, ginecologo, senza alcun risultato.Attualmente sono in cura da un neurologo che mi ha prescritto 10gocce/dì di Dropaxin definendo “crisi di panico” questi episodi.Dopo 1 mese dall’inizio della nuova cura la situazione è peggiorata, dal momento che la crisi è sopravvenuta con qualche giorno di ritardo ,ma più intensa del solito. Mentre guidavo l’auto, il braccio destro si è come paralizzato, tanto che non riuscivo più a tenere il volante con la mano.Un’altra crisi mi è venuta in seguito ad uno starnuto.Vorrei sapere se la causa può essere attribuita al cuore e quindi mettermi in cura non da un neurologo ma da un cardiologo? Ringraziandola