19-03-2008

varizioni glicemiche

DA UN ANNO HO SCOPERTO DI ESSERE AFFETTO DA DIABETE DI TIPO2. SONO ISCRITTO AD UN CENTRO DIABETOLOGICO. FINO ALLA SETTIMANA SCORSA ERO TRATTATO CON I SEGUENTI FARMACI:-AL MATTINO UNA COMPRESSA DI DRAMION-A PRANZO METFORAL 500 MG- A CENA METFORAL 500 MGDI SERA UNA COMPRESSA PER IL COLESTEROLO.ATTUALMENTE IL DIABETOLOGO MI HA SOSPESO LA CURA SOSTENENDO CHE ORMAI I VALORI SI SONO ASSESTATI. LOGICAMENTE IN VIA SPERIMENTALE. MI HA DETTO CHE DOPO 2 ORE DALLA COLAZIONE LA GLICEMIA NON DEVE SUPERARE I 130, E DOPO IL PRANZO E LA CENA NON DEVE SUPERARE I 160. E VERO?
Risposta
Gentile lettore, La gliclazide (contenuta nel Dramion 30 mg compresse a rilascio modificato) presenta l'emivita di eliminazione che varia tra 12 e 20 ore. Il diabetologo ha ritenuto di sospendere la cura (penso gradualmente); Non mi ha detto i valori della glicemia prima dei pasti. In ogni caso è importante che la glicemia post-prandiale (dopo i pasti) non superi i 180 mg/dl, che è la soglia renale del glucosio. Potrà notare questo, se non troverà glicosuria (zucchero) nelle urine. Cordiali saluti Dott. Corso Concetto Diabetologo
TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio