È un rimedio farmacologico mediante il quale è possibile diminuire il rischio di rigetto nei pazienti costretti al trapianto d'organo; ciò permette di migliorare e conseguentemente allungare la qualità della vita di tali soggetti.