Sinusite

Infiammazione della mucosa di rivestimento dei seni craniofacciali, di cui le più frequenti sono quelle frontali, mascellari ed etmoidali. La forma più frequente in assoluto è la sinusite frontale, causata da un'occlusione del canale naso-frontale. In questa condizione i germi possono risalire il condotto e localizzarsi alla mucosa provocando flogosi. La cefalea, spesso violenta, associata alla sinusite, la febbre, l'ostruzione nasale, il malessere generale la possono far confondere con l'influenza. La terapia si fonda prevalentemente su decongestionanti ed aerosol.
 

Sinusite: eziologia e terapie

Durante la respirazione, l'aria passa attraverso il naso e arriva nei polmoni. All'interno delle ossa del cranio sono presenti piccole cavità chiamate seni. I quattro seni maggiori che defluiscono nel naso e nella gola sono i seni frontale, mascellare, etmoidale e sfenoidale. A volte, sostanze estranee oltrepassano le cilia del naso e finiscono in una delle quattro cavità sinusali. I seni sono anche provvisti di cilia che spingono il muco e le sostanze estranee fuori dalle cavità sinusali. Poi, i seni fanno defluire le sostanze nel naso attraverso un condotto a forma di forcina chiamata ostio. Quando le cilia non riescono a spingere il muco attraverso l'ostio, esso può raccogliersi nei seni, bloccando queste vie d'uscita e causando gonfiore e infiammazione delle membrane di rivestimento dei seni, condizione chiamata sinusite. Spesso, la sinusite compare in seguito a un'infezione dell'apparato respiratorio superiore o a una reazione allergica. I sintomi possono includere dolore o pressione al viso, ostruzione o secrezione nasale e dolore ai denti. I farmaci da banco e/o quelli prescritti dal medico possono ridurre i sintomi della sinusite; tuttavia, per chi ne soffre da molto tempo può essere necessario intervenire chirurgicamente.