Milano, 16 gen. (Adnkronos Salute) - Il medico parla, una donna lo ascolta e le si legge in faccia che il cuore si spezza. Sa che quella conversazione cambierà la vita di una famiglia intera. La telecamera la segue mentre piange da sola in auto, alle prese con foglietti illustrativi e scatole di medicinali, e ancora in lacrime chiusa nel bagno di casa per non farsi vedere. "C'è una malattia che nessuno dovrebbe affrontare - è il messaggio - Quella del proprio figlio". E' un pugno nello stomaco il video intorno al quale ruota la campagna lanciata dall'associazione 'Quelli che con Luca' per chiedere sostegno alla lotta contro la leucemia infantile.
Ideata dal gruppo di comunicazione Havas, la campagna punta a sensibilizzare la popolazione e a portare a conoscenza la ricerca e il lavoro che sta portando avanti da 8 anni la onlus fondata da Andrea Ciccioni, papà di Luca, piccolo paziente morto a soli 9 anni. Luca fa parte di quel 20% di bambini che ogni anno secondo le stime non riescono a vincere la battaglia contro la leucemia, la forma di tumore infantile più diffusa. Non ce la fanno ancora oggi, nonostante i grandi progressi della ricerca. Per Luca e per tutti i bambini colpiti dalla stessa malattia, per tutto quello che ancora c'è da fare e da scoprire per potenziare la lotta a un male crudele, papà Andrea ha dato vita a una onlus (Quelli che con Luca) che finanzia il Laboratorio interdipartimentale di terapia cellulare e genica 'Stefano Verri' e il suo staff di ricercatori all'interno dell'ospedale San Gerardo di Monza, polo di eccellenza per la cura delle leucemie infantili.
La campagna sarà on air da venerdì 17 gennaio in Tv, sul web, nei circuiti di videocomunicazione e nei principali circuiti cinematografici: un film, spiegano i promotori, "che racconta la malattia da un punto di vista inaspettato e sorprendente". L'anteprima dello spot è stata proiettata oggi, giovedì 16 gennaio, al Notorious Cinema nel Centro Sarca di Sesto San Giovanni, alle porte del capoluogo lombardo. L'idea dell'agenzia è stata affidata a un duo registico giovane, formato da Massimiliano Takacs e Antonino Amoroso ed è stata prodotta da 'The Family'. Il progetto, che ha visto la collaborazione dell'intero Havas Village, è stato realizzato dal team creativo composto dai Deputy Executive Creative Director Bruno Vohwinkel e Aureliano Fontana, dagli Art Director Oscar Colapinto e Micaela Elisetti e dai Copywriter Eleonora Giugliano e Riccardo Baita.